Siderweb e il futuro dell’acciaio tra edilizia, auto e macchine utensili

Pubblicato il 28 giugno 2021
siderweb futuro acciaio costruzioni macchine utensili automotive

Sono in corso profonde trasformazioni nei maggiori settori utilizzatori di acciaio, ossia costruzioni, automotive e macchine utensili, come analizzato dal webinar Metamorfosi d’acciaio organizzato da siderweb lo scorso maggio, con anche la partecipazione di Ance, Anfia e Ucimu – Sistemi per produrre, le principali associazioni nazionali rappresentanti dei tre comparti.

“La scelta di andare sempre più verso le ristrutturazioni e meno sul ‘nuovo’ nelle costruzioni e l’elettrificazione degli autoveicoli potrebbero portare a una riduzione del consumo di acciaio di questi comparti in termini di tonnellaggio, anche se probabilmente si utilizzeranno acciai più sofisticati – ha spiegato Stefano Ferrari, responsabile dell’Ufficio Studi siderweb -. Diversa la situazione del settore delle macchine utensili e dei robot industriali, la cui massiccia diffusione invece potrebbe portare con sé una maggior domanda di prodotti siderurgici”.

siderweb fututo acciaio Ucimu Ance Anfia edilizia macchine utensili auto

Il settore costruzioni è oggi in particolare caratterizzato da un elevato impatto ambientale, per quanto concerne le emissioni sia in fase di realizzazione degli edifici sia per il loro mantenimento. L’obiettivo del Green Deal europeo è di ridurre l’impronta ecologica dell’edilizia, raddoppiando il numero di ristrutturazioni entro il 2026 e riqualificando energeticamente gli edifici. Per l’edilizia italiana, infine, ci sono buone prospettive dal Pnrr, con il 32,6% delle risorse destinate proprio a questo settore.

“La grande sfida della sostenibilità ci impone di premere l’acceleratore sull’economia circolare. In edilizia si possono fare molti passi avanti per semplificare e agevolare il recupero e riutilizzo dei rifiuti da demolizione, ma c’è bisogno di un quadro normativo chiaro e semplice, che l’Ance sta chiedendo da tempo – ha dichiarato Massimiliano Musmeci, direttore generale dell’associazione -. Va affrontata al più presto anche l’emergenza caro-materiali, che sta mettendo in grande difficoltà le imprese impegnate nei cantieri pubblici e privati e rischia di bloccare le opere del Pnrr”.

In ambito mobilità, la spinta globale verso la neutralità climatica dell’economia porterà alla riduzione delle emissioni dei trasporti: nascerà quindi un mercato più variegato e frastagliato, dove convivranno molte più tipologie di veicoli rispetto a oggi. “Le attese – ha spiegato Ferrari – sono che in Europa la quota di veicoli diesel o benzina venduti scenda al 36% nel 2025 e sotto il 5% nel 2035, quando oggi è al 79%”.

“Nel 2020 si stava attendendo di raggiungere festosamente il traguardo dei 100 milioni di veicoli prodotti nel mondo, di cui 50 milioni in Cina, e ci si aspettava che l’elettrico raggiungesse il punto di crescita esponenziale nel 2030. Oggi questi discorsi sono superati – ha dichiarato Marco Rollero, vicepresidente del Gruppo Componenti Anfia -: si anticiperà sicuramente il raggiungimento del 30% dell’elettrico, ma questa quota sarà su un mercato a crescita ridotta, in virtù delle nuove modalità di mobilità condivisa. Mi attendo, francamente, da un lato, una contrazione del mercato complessivo; quanto al mercato nazionale, è sicuro che in questo momento sia necessario uno stimolo alla domanda più strutturale che sporadico. Per ciò che attiene al consumo dell’acciaio nell’autoveicolo, non mi attendo future variazioni rilevanti: il sistema più intuitivo e forse meno utilizzato per la riduzione delle emissioni di un veicolo passa per la riduzione del suo peso e delle sue dimensioni. Sebbene la crescita delle dimensioni medie delle auto non veda rallentamenti, l’acciaio si trova a competere con importanti tecnologie alternative, che ne possono rallentare l’utilizzo”.

Infine, sono positive le prospettive per le macchine utensili sia per il 2021 (con una crescita della domanda italiana del 38% rispetto al 2020), sia per gli anni successivi, dove la domanda di innovazione trainerà il settore a livello mondiale. Anche in Italia sono previsti notevoli incentivi, come i 13,4 miliardi di euro inseriti dal governo nel Pnrr nella missione 1 componente 2 (digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo) per la transizione 4.0.

“Il Pnrr punta ad accelerare la modernizzazione del tessuto produttivo e a ricucire il divario territoriale nel nostro sistema Paese, cercando di rimediare ai danni economici e sociali fatti dalla crisi pandemica. Riteniamo che le misure siano positive – ha detto Alfredo Mariotti, general manager di Ucimu – Sistemi per Produrre -. Il capitolo dedicato alla transizione 4.0, seppure in forma diversa, ha mantenuto gli incentivi che prima erano previsti, come iper ammortamento e super ammortamento, incrementando il credito d’imposta. Si renderà, poi, meno onerosa la formazione e anche questo punto per noi è fondamentale, perché nel momento in cui cambiano i processi produttivi devono cambiare anche le skill degli operatori. Positivo anche il discorso sugli ITS: finalmente sembra si sia pronti a fare un grosso investimento in questo campo”.



Contenuti correlati

  • Mecspe 2021 numeri manifattura fabbrica senza limiti
    Fabbrica aperta e sostenibile, grande riscontro per Mecspe 2021

    Si è chiusa con un totale di 48.562 visitatori la 19ima edizione di Mecspe, fiera dedicata alla manifattura e a Industria 4.0 organizzata da Senaf, tenutasi per il primo anno a BolognaFiere dal 23 al 25 novembre...

  • Hexagon Odyssee A eye simulazione ingegneristica CAE
    CAE semplificato e potenziato con l’AI in Hexagon MI

    La divisione Manufacturing intelligence di Hexagon presenta Odyssee A-Eye, strumento di intelligenza artificiale che migliora progettazione e simulazione ingegneristica con le soluzioni CAE dell’azienda. Lo strumento applica il riconoscimento avanzato dei modelli a immagini, fotografie, video e...

  • siderweb comparto trafilerie Bilanci d'acciaio
    Trafilerie, i dati relativi al 2020 nell’analisi siderweb

    Anno 2020 complicato anche per il comparto delle trafilerie, che nei dati contenuti nell’analisi di siderweb Bilanci d’acciaio 2021 ha generato un fatturato di 1,544 miliardi di euro, in calo del 16,2% sul 2019. Il valore aggiunto...

  • Fanuc pacchetti educational robot ITS
    Tecnologie 4.0 Fanuc in regime di agevolazione per gli ITS

    Fanuc ha realizzato per le scuole quattro pacchetti Educational IoT ready che permettono agli ITS di innovare i propri laboratori approfittando delle agevolazioni fiscali messe a disposizione dal Mise, per un totale di 15 milioni di euro...

  • MindSphere World ecosistema industriale IoT cloud
    Ecosistema industriale per la strategia IoT e Cloud MindSphere World

    In occasione dell’evento tenutosi lo scorso 28 ottobre dal Politecnico di Milano, MindSphere World – Associazione internazionale che promuove IoT e Cloud per l’industria, ha ribadito l’importanza di creare un ecosistema attorno alla piattaforma MindSphere per il...

  • schaeffler fatturato nove mesi 2021 CEO klaus-rosenfeld
    Fatturato 2021 in crescita a doppia cifra per Schaeffler

    Il fatturato nei primi nove mesi del 2021 del Gruppo Schaeffler è cresciuto del 15,9% sullo stesso periodo del 2020, al netto degli effetti di cambio, raggiungendo la cifra di 10.346 milioni di euro. L’aumento è dovuto...

  • ITS, al via le domande di incentivi per 15 milioni

    Entro il 3 dicembre gli ITS (Istituti Tecnici Superiori) potranno richiedere agevolazioni per l’acquisto di beni strumentali, materiali e immateriali, macchinari e servizi che rientrano nell’ambito del Piano Nazionale Industria 4.0. Il ministero dello Sviluppo Economico ha...

  • Test Industry nomina Paolo Mastrostefano
    Paolo Mastrostefano nominato CEO di Test Industry

    Paolo Mastrostefano è stato eletto nuovo amministratore delegato di Test Industry lo scorso 1° ottobre. In concomitanza, Daniele Cesare Spezzaballi ha assunto il ruolo di responsabile delle operations (COO). Paolo Mastrostefano si è laureato in Ingegneria elettronica...

  • Universal Robots ricerca robotica carta delle idee
    Rete virtuosa nella ricerca sulla robotica con Universal Robots

    Si è tenuto lo scorso 26 ottobre il terzo appuntamento dedicato a valorizzare la Carta delle idee della robotica collaborativa di Universal Robots. Al centro del dibattito è stata l’idea, proposta dal professore del Politecnico di Milano...

  • ICIM Group Anima Confindustria cariche nuove nomine
    Nuova squadra ICIM, rinnovate tutte le cariche ai vertici

    ICIM Group, polo di competenze a maggioranza Anima Confindustria, annuncia l’avvenuto rinnovo di tutte le cariche della holding e delle sue società operative, che propongono servizi di testing, ispezione, certificazione, supporto tecnico e formazione alle aziende. Tra...

Scopri le novità scelte per te x