Capitale umano nell’acciaio, carenza di competenze nello studio siderweb

Pubblicato il 8 giugno 2021
Siderweb competenze mismatch settore acciaio

Secondo i dati della ricerca di siderweb, in collaborazione con Randstad Research Italia, il 44% delle aziende nel settore dell’acciaio in Italia riscontra problemi di disallineamento nei propri collaboratori tra attività svolte e competenze. I risultati del sondaggio sono stati presentati nel webinar Steel Human, il capitale umano dell’acciaio lo scorso 18 maggio.

Il 56% delle aziende dichiara di avere problemi di mismatch anche in fase di reperimento del personale, e per l’89% delle imprese non si tratta di sovra qualificazione. In fase di selezione, il 47% delle aziende nota nei candidati una mancanza di preparazione e di competenze di base, il 41% di conoscenza di mercato e prodotti e il 32% una carenza di flessibilità e di propensione all’apprendimento.

Le maggiori difficoltà di reperimento sono per operai specializzati (36%), seguiti da tecnici esperti di applicativi specifici e profili specializzati in ambito ingegneristico (28%), e profili specializzati in ambito vendita/marketing (25%).

“Anche per la crescente difficoltà di reperimento di collaboratori con competenze allineate alle proprie esigenze, le aziende scelgono sempre più di optare per forme mediate di reclutamento – commenta Daniel Gouveia, coordinatore statistico di Randstad Research Italia -. Il 56% ha dichiarato di rivolgersi ad agenzie per il lavoro; il 37% a job board sul web, come LinkedIn. Una buona fetta del campione (37%) ha detto di affidarsi al rapporto con scuole e istituti tecnici, per un’integrazione in modo da formare persone con competenze utili alla propria tipologia di attività”.

In risposta a questo disallineamento, le aziende siderurgiche si sono organizzate con almeno una attività di formazione l’anno (94%), con opportunità di formazione tecnica con affiancamento sul campo (85%) e con partecipazione a corsi esterni (82%), Il 32% ha avviato una Academy interna.

“Gli imprenditori – ha aggiunto Gouveia – chiedono più rapporti tra scuola e lavoro, di intensificare il dialogo con istituti e università, che vengano mappati i corsi formativi già esistenti (su tutte le regioni e l’Italia) e creato un calendario corsi a cui potere indirizzare le figure”.

“Anche siderweb potrebbe aiutare in questo coordinamento del network per la ricerca di figure professionali complete e dei talenti – ha detto Francesca Morandi, content manager di siderweb e coordinatrice del progetto STEEL HUMAN -. Per valorizzare le figure della nostra filiera occorre fare rete, per centrare due obiettivi: agire con un’unica richiesta nei confronti del mondo dell’educazione; ottenere un maggiore coordinamento nell’offerta formativa già presente. Inoltre, dovremmo riuscire insieme a trasmettere all’esterno ciò che è la filiera siderurgica, cioè un’industria all’avanguardia e moderna, pronta ad accogliere e valorizzare nuove forze e talenti”.

Filiera che richiede “competenze tecnico scientifiche, ma anche capacità di fare squadra e di essere multi tasking – sottolinea infine Daniele Fano, coordinatore del comitato scientifico di Randstad Research Italia -. Le competenze devono essere ibride: solide dal punto di vista tecnico scientifico, ma con dei chiari plus in altri campi, dall’informatica alle lingue alla capacità di lavorare con gli altri”.



Contenuti correlati

Scopri le novità scelte per te x