Idrogeno verde in lavorazione dell’acciaio con Snam, Rina e Gruppo Giva

Pubblicato il 14 giugno 2021
Rina Snam Gruppo Giva forgiatura acciaio idrogeno

Snam, RINA e Gruppo Giva hanno effettuato con successo il primo test al mondo utilizzando un mix di gas naturale e idrogeno al 30% nella lavorazione dell’acciaio.

La sperimentazione è avvenuta a Rho, nello stabilimento Forgiatura A. Vienna, utilizzando un mix idrogeno-gas per riscaldare i forni dell’impianto, dopo una serie di studi e test in laboratorio durati circa un anno. Snam ha sviluppato e promosso il progetto, Rina ha curato le analisi ingegneristiche e le prove di laboratorio e il Gruppo Giva ha messo a disposizione l’impianto per i test di campo. La miscela di idrogeno è stata fornita da Sapio, azienda italiana specializzata nella produzione di gas industriali e medicinali.

“L’idrogeno può diventare nel medio-lungo termine la soluzione per decarbonizzare il settore siderurgico e tutte le industrie con un consumo intensivo di energia, il cui ruolo nella nostra economia è fondamentale – ha commentato Marco Alverà, amministratore delegato di Snam -. Questa sperimentazione è una tappa propedeutica alla progressiva introduzione di idrogeno a zero emissioni, prima in blending con il gas naturale e poi in forma pura, in alcuni processi di produzione dell’acciaio. Snam mette a disposizione le proprie capacità progettuali e di ricerca e la propria infrastruttura per dare un contributo alla creazione di una filiera nazionale dell’idrogeno e al raggiungimento degli obiettivi climatici italiani ed europei”.

Rina Snam Giva idrogeno forgiatura viennaUgo Salerno, presidente e amministratore delegato di RINA, ha aggiunto: “Questo test è la dimostrazione concreta che la filiera italiana dell’idrogeno può contribuire significativamente a decarbonizzare settori energivori e complessi come quello siderurgico. Come RINA siamo orgogliosi di essere parte attiva del processo di transizione energetica in atto, in particolar modo in occasioni come questa, quando possiamo mettere a sistema le nostre competenze in ambito energetico e industriale”.

“Per il nostro gruppo l’idrogeno può rappresentare un grande alleato – ha affermato Jacopo Longhi Vienna (direzione GIVA) -. Da un lato le normative sempre più stringenti in termini di emissioni di CO2, unite alla volontà di diminuire l’impatto ambientale delle nostre produzioni, ci obbligano a trovare una soluzione. Dall’altro, l’applicazione di idrogeno può rivelarsi mercato trainante per valvole e attuatori, prodotti da aziende del gruppo. Questo progetto quindi è solo l’inizio di un percorso che ci vedrà coinvolti per molti anni”.

L’utilizzo della miscela selezionata di idrogeno e gas naturale ha consentito di effettuare la prova senza alcuna modifica impiantistica e non ha avuto impatti né sulle apparecchiature in uso (bruciatori industriali) né sulle caratteristiche del prodotto finale trattato termicamente.

Il potenziale del progetto in termini di sostenibilità ambientale e competitività economica è rilevante. Si stima infatti che l’utilizzo permanente di una miscela del 30% di idrogeno verde, ottenuto cioè con fonti rinnovabili, sul totale del gas consumato dai tre stabilimenti di forgiatura del Gruppo GIVA porterebbe a una riduzione delle emissioni di CO2 nell’ordine delle 15.000 tonnellate annue, l’equivalente di circa 7.500 auto. Il conseguente risparmio economico sulle quote CO2 emesse sarebbe pari a circa 800.000 euro annui (al valore attuale di acquisto delle quote). Questa soluzione garantirebbe al contempo la valenza ed integrità del processo di produzione di forgiati in acciaio e la sua sostenibilità in termini ambientali nel lungo periodo.

L’acciaio è anche il materiale con il quale vengono realizzate le tubazioni che saranno fondamentali per assicurare il trasporto di idrogeno e la sua consegna agli utenti finali. L’impiego dell’idrogeno in applicazioni industriali cosiddette ‘hard-to-abate’ come la siderurgia avrà un ruolo chiave nel raggiungimento degli obiettivi di neutralità climatica nazionali e comunitari al 2050. In prospettiva, l’idrogeno verde rappresenta la soluzione ideale per la produzione e lavorazione di acciaio a zero emissioni di CO2.



Contenuti correlati

  • Cilindro inox per ambienti ostili

    Il nuovo cilindro in acciaio inossidabile per applicazioni operative difficili di Norgren – denominato ISOLine KA/802000 – offre importanti miglioramenti del design. Investimenti continui in una gamma collaudata di cilindri, dove spicca una costruzione robusta, un miglioramento...

  • Tempra a induzione per le guide lineari

    La tempra a induzione dell’acciaio è una soluzione che garantisce maggior resistenza e durata ai sistemi di moto lineare. Rollon applica questo trattamento per rendere le sue guide adatte ad applicazioni anche molto stressanti come carichi e...

  • Fresatura di pezzi forgiati in acciaio

    Ferdinand Bernhofer GmbH è una PMI specializzata nella forgiatura in stampi di pregiati elementi in acciaio. Su richiesta del cliente, i pezzi vengono consegnati finiti, pronti per l’uso. Ferdinand Bernhofer GmbH lavora i pezzi su una macchina bimandrino...

  • Fai Filtri ISO 9001 certificazione gestione qualità
    Gestione Qualità Fai Filtri certificata ISO 9001

    Fai Filtri annuncia di avere ottenuto anche quest’anno la certificazione ISO 9001:2015, a conferma del suo impegno nel mantenere un Sistema di gestione qualità efficace e conforme agli standard, frutto di lavoro e professionalità costanti. Secondo quanto...

  • Bonesi Pneumatik SIL 3 valvole serie A
    Pneumatica e sicurezza, certificazione SIL 3 per Bonesi Pneumatik

    Bonesi Pneumatik ha ottenuto la certificazione SIL 3 (Safety integrity level) per la propria offerta di pneumatica, in conformità ai requisiti dello standard IEC 61508, per essere sempre più vicina alle esigenze del mercato. L’azienda italiana, fondata...

  • Print4All printing appuntamento 2022
    Printing e digitalizzazione, appuntamento Print4All a maggio 2022

    Prosegue il cammino e il confronto con il mercato del printing che accompagna alla prossima edizione di Print4All, in Fiera Milano Rho dal 3 al 6 maggio 2022. Sostenibilità, digitalizzazione e servitizzazione saranno tra i temi principali...

  • Arvedi si aggiudica la gara per la cessione di Acciai Speciali Terni

    Il Gruppo cremonese Arvedi si aggiudica la gara per l’acquisizione di alcuni asset italiani, tra cui Acciai Speciali Terni messi in vendita da ThyssenKrupp che con il nuovo piano industriale li ha ritenuti non più coerenti con...

  • L’alleato digitale per la sostenibilità, la sfida di Bosch Rexroth

    Connected Hydraulics: la nuova frontiera dell’oleoidraulica secondo Bosch Rexroth e la sfida di rendere più sostenibile l’intera filiera industriale. Un mix di tecnologie per sostenibilità, responsabilità e innovazione Leggi e scarica l’articolo.  

  • Verniciatura, sostenibilità di impianti e nei prodotti

    Il recente convegno TST2021, organizzato da PoliEFUN, è stato incentrato sulla circolarità nel settore del trattamento superficiale. Tra gli interventi, ne riportiamo due relativi al settore Automotive che descrivono i trend perseguibili in tema di sostenibilità degli...

  • ESG, la sostenibilità entra nelle PMI

    Sostenibilità e creazione di valore non sono in contrapposizione. Seguire i principi ESG – Environmental, Social, Governance – è anzi fondamentale per cogliere le opportunità che si presenteranno, legate alla transizione in atto. Il settore manifatturiero è...

Scopri le novità scelte per te x