Boom di investimenti in beni strumentali, quasi esaurite le risorse della Nuova Sabatini 

Pubblicato il 27 maggio 2021

 

La Nuova Sabatini piace alle PMI italiane tant’è che stando ai dati di maggio sui finanziamenti si sarebbe raggiunta la cifra di 1 miliardo e 335 milioni di euro di prenotazioni. Poco meno di 5 miliardi nei primi cinque mesi dell’anno, di cui 3,34 miliardi in leasing.

Gli importi richiesti sono lievitati di mese in mese. Si è passati dai 649 milioni di febbraio agli 885 milioni di marzo, per arrivare ai 1,2 miliardi di aprile.

Le risorse messe in campo dal governo per questa misura sono quasi esuarite. Il primo campanello d’allarme lo aveva lanciato CNA Veneto affermando che nei primi quattro mesi del 2021 le domande erano già il 70% del totale dell’anno scorso.

Ora si aggiungono gli appelli di Assilea operatore di leasing e Ucimu , associazione dei produttori di macchine utensili, robot, automazione. Secondo Carlo Mescieri, presidente di Assilea, di questo passo “vorrebbe dire chiudere lo sportello a giugno con conseguente blocco degli investimenti prima che il Pnrr possa dispiegare i suoi effetti”.

Più diretta ancora Barbara Colombo di Ucimu: “Chiediamo che strumenti come la Nuova Sabatini siano rifinanziati immediatamente e resi strumentali”.

 

Perché ora conviene di più investire in beni strumentali

Le imprese che acquistano (anche in leasing) beni strumentali per uso produttivo (macchinari, attrezzature, impianti, hardware, software e tecnologie digitali) attraverso un finanziamento bancario posso richiedere il contributo messo a disposizione dal Mise. Questo in virtù della Legge Sabatini, nome del deputato che la propose per la prima volta nel lontano 1965.

Nel corso degli anni la legge ha subito varie modifiche, le ultime delle quali con la Legge di Bilancio 2021 (n. 178/2021), tant’è che ora si parla di Nuova Legge Sabatini.

Il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico in conto impianti è pari al valore degli interessi calcolati, in via convenzionale, su un finanziamento della durata di cinque anni e di importo uguale all’investimento, ad un tasso d’interesse annuo pari al 2,75% per le spese ordinarie e al 3,575% per gli investimenti 4.0.

L’accesso al contributo è stato reso più semplice e conveniente. Infatti per tutte le domande presentate dalle imprese alle banche dopo il 1° gennaio l’erogazione viene effettuata in un’unica soluzione, mentre prima il contributo veniva spalmato in sei quote annuali e indipendentemente dall’importo del finanziamento, diversamente da come avveniva in passato.

Anche le domande presentate dal 19 maggio 2019 al 16 luglio 2020 e dal 17 luglio al 31 dicembre 2020 sono state soddisfatte in un’unica soluzione ma per finanziamenti non superiori rispettivamente a 100 mila e 200 mila euro.

Prerequisito per ottenere il contributo resta la concessione di un finanziamento bancario o locazione finanziaria da parte di un istituto che abbia aderito alle convenzioni stipulate tra il Mise, l’ABI, e Cassa Depositi e Prestiti.

Parimenti a prima l’erogazione del contributo è prevista al completamento dell’investimento che viene comunicato dall’impresa tramite autocertificazione telematica, compilando il cosiddetto modello DUI (Dichiarazione ultimazione investimento) e il modulo RU (richiesta unica) da trasmettere al Mise.

Franco Metta



Contenuti correlati

  • Efficienti e sostenibili

    GF Machining Solution ha presentato, alla scorsa EMO di Milano, una vasta gamma di soluzioni automatizzate. Macchine progettate e costruite secondo il paradigma di Industria 4.0. Ma non è tutto. Grande attenzione alla digitalizzazione dei processi e...

  • Fanuc pacchetti educational robot ITS
    Tecnologie 4.0 Fanuc in regime di agevolazione per gli ITS

    Fanuc ha realizzato per le scuole quattro pacchetti Educational IoT ready che permettono agli ITS di innovare i propri laboratori approfittando delle agevolazioni fiscali messe a disposizione dal Mise, per un totale di 15 milioni di euro...

  • Stratasys GrabCAD additive manufacturing workflow
    Gestione integrata del workflow additivo con piattaforma Stratasys

    Stratasys lancia GrabCAD, piattaforma per additive manufacturing aperta ed enterprise-ready per la gestione integrata dell’intero flusso di lavoro di produzione con stampanti 3D industriali, sia di Stratasys che di altri marchi. La soluzione è progettata per soddisfare...

  • In aumento startup e PMI innovative, +3,3% nel terzo trimestre

    Cresce l’imprenditoria innovativa nel nostro Paese. Lo si evince dall’analisi dei dati del terzo trimestre 2021 su startup e PMI innovative, contenuti nel report che il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica ha realizzato insieme a Unioncamere e...

  • ITS, al via le domande di incentivi per 15 milioni

    Entro il 3 dicembre gli ITS (Istituti Tecnici Superiori) potranno richiedere agevolazioni per l’acquisto di beni strumentali, materiali e immateriali, macchinari e servizi che rientrano nell’ambito del Piano Nazionale Industria 4.0. Il ministero dello Sviluppo Economico ha...

  • Bando da 1,1 milioni per coprire a fondo perduto il 50% di investimenti 4.0

    Made – Competence Center ha pubblicato il terzo bando del 2021 da 1,1 milioni di euro a sostegno delle PMI per i progetti di Industria 4.0. Le candidature possono essere inoltrate sino al 13 dicembre 2021 e...

  • Transizione 4.0, dal 2023 diminuisce l’incentivo 

    Il disegno di Legge Bilancio 2022 approvato giovedì scorso dal Cdm riscrive le regole di una delle agevolazioni che più ha spinto la ripresa industriale e manifatturiera del Paese. Industria 4.0, ridenominato successivamente Transizione 4.0, ovvero il credito d’imposta per investimenti in beni strumentali 4.0, secondo le intenzioni...

  • 33.BIMU macchine utensili robot automazione Ucimu
    33.BI-MU appuntamento dal 12 al 15 ottobre 2022

    Si terrà dal 12 al 15 ottobre 2022 33.BI-MU, appuntamento con la biennale dedicata all’industria delle macchine utensili ad asportazione, deformazione e additive, robot, digital manufacturing e automazione, tecnologie abilitanti e subfornitura promossa da Ucimu e organizzata...

  • Soluzioni pneumatiche per la Smart Factory

    L’industria della componentistica pneumatica progetta e produce componenti adatti alla nuova svolta epocale dell’innovazione in fabbrica. Si tratta di prodotti nel solco di industria 4.0. Essi sono disponibili per il comparto manifatturiero e dell’automazione. Ecco, qui di...

  • Stampante 3D con Intelligenza Artificiale

    Breton presenta Genesi, la prima stampante 3D che integra Intelligenza Artificiale e Machine Learning. Un’innovazione tecnologica frutto di un progetto di ricerca cofinanziato dal Mise Leggi e scarica l’articolo.

Scopri le novità scelte per te x