Big data in Italia a 2,41 miliardi nel 2022 nei dati dell’Osservatorio del Polimi

Pubblicato il 17 novembre 2022
Osservatori big data analytics dati mercato 2022

Il mercato italiano dei big data nel 2022 raggiungerà un valore di 2,41 miliardi di euro, in crescita del +20% sul 2021, secondo i dati dell’Osservatorio Big data & business analytics della School of Management del Politecnico di Milano.

A trainare la crescita è soprattutto il software, che vale il 54% del mercato e sale del +25% rispetto al 2021, mentre meno sostenuta è la spesa in risorse infrastrutturali, al di sotto della media di mercato. Il buon andamento è trasversale a tutti i settori merceologici, con incrementi più marcati per GDO/retail, pubblica amministrazione e sanità. Sale a ritmo doppio alla media del mercato il budget analytics destinato a servizi di public cloud, che vale quasi un quarto della spesa in soluzioni e servizi di data management & analytics.

Il mercato Data Management & Analytics in Italia

Sale al 65% la sperimentazione di advanced analytics nelle grandi aziende (54% nel 2021), e figure di data scientist sono presenti nel 49% delle grandi imprese, data engineer nel 59% e data analyst nel 76%. La ricerca conferma quindi il permanere della difficoltà a inserire ruoli professionali specializzati su gestione e analisi dei dati. Il 66% delle grandi realtà dichiara di aver sperimentato tempi di recruiting più lunghi e circa il 40% tassi di turnover più elevati.

Sul fronte delle PMI, il 55% dichiara di aver portato avanti investimenti in ambito data management & analytics o prevede di farlo entro fine anno. Percentuale in crescita rispetto al 2021, ma che non mostra importanti accelerazioni rispetto a quanto registrato negli ultimi tre anni. Inoltre, quattro aziende su dieci non hanno alcuna figura dedicata, neanche parzialmente, all’analisi dei dati.

Osservatori big data analytics Carlo Vercellis“Nonostante le difficoltà dello scenario globale, nel 2022 le imprese italiane continuano a mostrare grande interesse per gli analytics – afferma Carlo Vercellis, responsabile scientifico dell’Osservatorio Big data & business analytics -. Cresce la maturità delle organizzazioni verso una cultura data-science-driven e insieme il mercato, che ha lasciato alle spalle il periodo nero. Ma la sfida di chi ha avviato sperimentazioni o progetti di advanced analytics ora è quella dell’industrializzazione dei processi per garantire efficienza e governance dei dati in tutti i livelli”.

 

Osservatori big data analytics Alessandro Piva“La spesa delle aziende italiane è tornata stabilmente a crescere, ancor più velocemente per le realtà più in ritardo, mentre si consolidano i progetti delle aziende più mature. – spiega Alessandro Piva, responsabile della ricerca dell’Osservatorio Big data & business analytics -. Ma il forte interesse per le soluzioni di analytics non corrisponde sempre a un cambio di rotta complessivo: sono ancora una minoranza le organizzazioni con una Data strategy di livello corporate. Ora è necessario trasformare le organizzazioni nel profondo, creando ponti tecnologici, organizzativi e culturali tra le opportunità di analisi avanzate, le applicazioni intelligenti e le competenze e attività quotidiane dei lavoratori”.

L’Osservatorio per la ricerca 2022 ha inoltre costruito un indice di maturità complessivo, denominato ‘Data strategy index’, comprensivo di tre ambiti: Data management & architecture (strumenti, competenze e processi per la gestione tecnologica, integrazione dei dati e governo del patrimonio informativo), Business intelligence e Descriptive analytics (strumenti e competenze di base per una Business Intelligence pervasiva) e Data science (attività che contemplano analisi predittive e di ottimizzazione a partire dall’analisi dei dati). Secondo lo studio è pertanto possibile definire ‘avanzate’ il 15% delle grandi imprese. Ma anche per queste ci sono ampi margini di miglioramento, come l’inserimento di figure executive a capo della strategia di valorizzazione dei dati o la capacità di valutare i dati come asset, in grado di porsi alla base di nuove forme di collaborazione extra-aziendali.

Le aziende intraprendenti (30%) sono invece realtà che hanno già sviluppato una buona esperienza con gli Advanced analytics ma lamentano alcune carenze lato gestione e governo dell’intero patrimonio informativo. Le prudenti (22%) sono organizzazioni che hanno approcciato in maniera parziale o stanno per approcciare l’utilizzo della Data science, ma hanno una buona gestione e qualità dei dati a disposizione. In entrambe le situazioni ci sono benefici e rischi, che i decisori aziendali dovranno essere in grado di riconoscere. Infine, per le aziende immature (18%) o ai primi passi (15%), la priorità rimane il consolidamento dell’attività di Business intelligence, ossia il completo superamento dell’utilizzo di fogli elettronici e l’introduzione pervasiva di strumenti di Data visualization & Reporting avanzati.

Il mercato Data Management & Analytics in Italia

Scendendo in dettaglio, negli ambiti della Business intelligence e Descriptive analytics le grandi organizzazioni sono a buon punto. L’83% dichiara la presenza di competenze (centralizzate o distribuite) e il 69% sfrutta strumenti di Data visualization avanzati. Nonostante questo, solo quattro aziende su dieci testimoniano un alto livello di pervasività nell’utilizzo dei dati nei processi decisionali. Sul fronte della Data science, prosegue come già anticipato la crescita delle organizzazioni che hanno avviato almeno una sperimentazione in ambito Advanced analytics (65%, nel 2021 era il 54%). Tra queste, una su due dichiara un numero di progetti superiore al 2021. Le funzioni in cui la Data science trova maggiore applicazione sono marketing, vendite, e produzione. Contesti in cui risulta più semplice valorizzare in termini economici i risultati portati dalle singole progettualità.

Così come già evidenziato negli scorsi anni, permangono importanti differenze tra il livello di maturità delle medie (50-249 addetti) e piccole (10-49 addetti) imprese. Le imprese di medie dimensioni hanno un livello medio di adozione delle tecnologie più alto delle piccole. Inoltre, solo un terzo dichiara di non avere personale dedicato – almeno parzialmente – all’analisi dei dati. La forbice tra piccole e medie registra comunque leggeri segnali di riduzione rispetto agli scorsi anni. Le piccole e medie imprese che hanno figure interne si affidano spesso anche a consulenti esterni, prevalentemente in maniera spot su specifici progetti.

Osservatori big data analytics Data literacy

Quest’anno l’Osservatorio ha infine condotto, in collaborazione con BVA Doxa, una rilevazione rivolta ai lavoratori non specialisti dell’analisi dei dati delle aziende con più di 10 addetti. Tra questi, il 60% dei manager dichiara di visualizzare almeno una volta a settimana report di sintesi sulle aree di propria competenza. La diffusione della Data literacy oltre le figure specializzate non è dunque marginale ma è un’evoluzione fondamentale per connettere algoritmi e persone. Considerando tutti i lavoratori, si scopre come, in media, i lavoratori italiani abbiano competenze appena sufficienti per essere considerati alfabetizzati ai dati in relazione alla propria mansione lavorativa. Tuttavia, emergono limiti sulla conoscenza del patrimonio informativo aziendale e sull’interpretazione delle analisi predittive.



Contenuti correlati

  • Bosch Rexroth formazione 4.0 lean Bonfiglioli Consulting
    Partnership in formazione 4.0 tra Bosch Rexroth e Bonfiglioli Consulting

    Bosch Rexroth e Bonfiglioli Consulting hanno avviato una collaborazione strategica per la formazione dei clienti e prospect sui temi della lean production e di Industry 4.0. La società italiana di consulenza diventa così Certified excellence training partner...

  • PTC Delnevo trend 2023 adozione soluzioni SaaS cloud native
    Cloud e soluzioni SaaS nel PLM, i trend 2023 per PTC

    Nel settore industriale, il 2022 per PTC è stato un anno in cui, nonostante la situazione di incertezza globale, l’innovazione ha proseguito la sua corsa facendo registrare nuovi e importanti passi in avanti. La trasformazione digitale sarà...

  • Aveva acquisizione Schneider Electric gestione energia Herweck
    Energia in gestione digitale, acquisizione di Aveva da parte di Schneider Electric

    E’ stata completata l’acquisizione di Aveva da parte di Schneider Electric. Dalla sua fondazione, l’azienda è passata dall’essere uno sviluppatore di software di progettazione specialistica a figurare tra i principali fornitori al mondo di software industriale, con...

  • Bosch Rexroth certificazione Top Employer
    Digitalizzazione e persone al centro, Bosch Rexroth è Top Employer 2023

    L’approccio data-driven che ha guidato il cambiamento in ambito HR è valso a Bosch Rexroth il riconoscimento di Top employer 2023, certificazione per le eccellenze aziendali nelle politiche e strategie HR capaci di contribuire al benessere delle...

  • Omron produzione flessibile automazione armonizzata Innovation Lab
    Automazione armonizzata per produzione flessibile secondo Omron

    La produzione flessibile nel futuro di Industria 4.0 è stata il tema al centro dell’incontro tenutosi lo scorso 25 gennaio presso l’Innovation Lab di Omron a Milano. Protagonista dell’incontro sul Flexible manufacturing è stato in particolare l’ecosistema...

  • L’approccio sostenibile secondo Bosch Rexroth

    Il Gruppo Bosch è diventato già nel 2020 carbon neutral negli oltre 400 impianti produttivi del mondo, assumendo un ruolo di precursore nel percorso di trasformazione green. Bosch Rexroth segue le orme del Gruppo attraverso un approccio...

  • Endress Hauser anniversario 70 anni
    Endress+Hauser festeggia i suoi primi 70 anni

    Compie esattamente oggi 70 anni Endress+Hauser, dalla sua nascita avvenuta il 1° febbraio 1953 come L Hauser KG a Lörrach, in Germania, su iniziativa dell’ingegnere svizzero Georg H. Endress e del tedesco Ludwig Hauser, allora direttore di...

  • QuestIT virtual human AI comprensione lingua dei segni LIS
    AI nella lingua dei segni con il primo Virtual human di QuestIT

    QuestIT, spin-off dell’Università di Siena, ha sviluppato il primo Virtual human che impiega le potenzialità dell’AI per comprendere e produrre la lingua dei segni italiana (LIS). L’azienda per l’occasione ha stretto una partnership strategica con il Santa...

  • OpenText trend 2023 supply chain ESG Antonio Matera
    ESG e Metaverso, i trend per la supply chain introdotti da Matera di OpenText

    Crisi economica, pandemia, carenza di materie prime e aumento dei costi impongono oggi alle aziende una ridefinizione delle strategie di gestione della supply chain. Secondo OpenText, fornitore di soluzioni e software di Enterprise information management, questa evoluzione...

  • Softeam trend 2023 soluzioni CMR costruttori macchine Davide Licini
    CRM per i costruttori di macchine, i trend 2023 per Licini di Softeam

    Softeam, azienda attiva nella progettazione software e fornitore della soluzione CRM Lyra, prospetta alcuni trend che caratterizzeranno il CRM B2B in special modo per i costruttori di macchine e impianti. A fare alcune proiezioni delle tendenze che...

Scopri le novità scelte per te x