Viscardi nominato alla presidenza del Cluster Fabbrica Intelligente

Pubblicato il 20 maggio 2022
Cluster Fabbrica Intelligente nomina presidente Gianluigi Viscardi 1

Gianluigi Viscardi, fondatore e presidente di Cosberg, è il nuovo presidente del Cluster Fabbrica Intelligente per il biennio 2022-2024. A eleggerlo è stato l’OCG dell’organizzazione, che ha altresì nominato Tullio Tolio, professore del Politecnico di Milano, presidente del Comitato tecnico scientifico.

Membri del Comitato Tecnico Scientifico sono stati eletti Flavio Tonelli (Università di Genova), Marco Taisch (MADE Competence Center), Alberto Longobardi (Adige, in rappresentanza dell’Industria) e Giuseppe Saragò (Wartsila Italia, in rappresentanza dell’industria). Invitati permanenti al Comitato Tecnico Scientifico sono Lorenzo Molinari Tosatti (Cnr-Stiima), Andrea Volpi (Università di Parma) e Antonio Braia (Brecav, in rappresentanza dell’industria).

Gianluigi Viscardi è un noto imprenditore, fondatore e presidente di Cosberg, azienda nata nel 1982 a Terno d’Isola (BG) e attiva nella meccatronica e nell’automazione. Cosberg studia, progetta e costruisce macchine e moduli per l’automazione dei processi di montaggio. Viscardi, che è già stato presidente del Cluster Fabbrica Intelligente dal 2015 al 2019, è anche presidente del Digital Innovation Hub (Dih) Lombardia, coordinatore presso Confindustria della rete nazionale dei Dih e presidente del Consorzio Intellimech.

Cluster Fabbrica Intelligente nomina presidente Gianluigi Viscardi“Ringrazio il mio predecessore Luca Manuelli, che nei suoi tre anni di presidenza ha reso l’associazione più forte e radicata fra gli stakeholder del manifatturiero italiano – ha dichiarato Viscardi, che ha continuato affermando che nel corso del suo mandato intende “riservare particolare attenzione al coordinamento dell’ecosistema italiano del trasferimento tecnologico. Cluster tecnologici, Competence Center e Digital Innovation Hub stanno facendo un lavoro di grande impatto sul manifatturiero italiano, aumentandone la competitività e l’antifragilità. Ma bisogna che facciano sistema fra di loro, per essere ancora più efficaci e capillari nella loro azione, anche a livello europeo”.

Nei prossimi anni, Viscardi vuole quindi “rendere il Cluster Fabbrica Intelligente un interlocutore ancora più autorevole e ascoltato dalle istituzioni, grazie alla qualità della sua produzione scientifica, in particolare la Roadmap, che è uno strumento fondamentale per capire quali saranno le tecnologie importanti nei prossimi anni e come adeguare di conseguenza le strategie di impresa”. Il nuovo presidente vuole infine “rafforzare la presenza del Cluster nel mondo imprenditoriale, aumentando il numero dei soci. Ma anche accompagnando nuovi impianti produttivi d’avanguardia a diventare Lighthouse Plant del Cluster Fabbrica Intelligente, come già hanno fatto Abb, Hitachi-Rail, Ansaldo Energia, Tenova-Ori Martin, Wärtsilä Italia e Hsd. Senza dimenticare il ruolo vitale dei Pathfinder, che già contano nomi come Sap, Deloitte, Cisco, Siemens e EY“.

Il Cluster Fabbrica Intelligente è l’unico tavolo al quale partecipano tutti i portatori di interesse del manifatturiero italiano: aziende, associazioni, Università, Centri di Ricerca e Regioni. Si propone di dare voce al manifatturiero (secondo settore per occupazione esclusi i finanziari, nonché punto di forza dell’economia dell’Italia, seconda manifattura europea e settima al mondo). E per raggiungere questa finalità prepara documenti scientifici (soprattutto la Roadmap delle tecnologie manifatturiere, ma non solo) sugli scenari futuri, da porgere al decisore politico per preparare adeguate azioni di politica industriale. Un ruolo di primo piano nel Cluster Fabbrica Intelligente è dei Pathfinder, grandi attori internazionali delle tecnologie che partecipano alla scrittura della Roadmap e di altri documenti scientifici, portando la conoscenza delle tecnologie di cui sono leader, e contribuiscono ai Lighthouse Plant del Cluster Fabbrica Intelligente. Ad oggi, come già ricordato sopra da Viscardi, sono Cisco, Deloitte, EY, Sap e Siemens.



Contenuti correlati

  • Progettare FMS per l’Aerospace

      MCM progetta e produce macchine e FMS per l’industria dell’aerospace (ma non solo). L’azienda, nel solco del paradigma di industria 4.0, è in grado di elaborare simulazioni altamente realistiche capaci di prevedere non solo il processo...

  • Ricerca e robotica per la diagnosi Covid-19

    Sviluppato dall’Institute of Bioorganic Chemistry della Polish Academy of Sciences in collaborazione con Mitsubishi Electric, Labomatica e Perlan Technologies, il sistema robotico Agamede è stato progettato per accelerare la diagnosi del virus Sars-CoV 2. Combinando Intelligenza Artificiale...

  • BR automation nuovo visual design brand identity
    Nuovo visual design e brand rinnovato per B&R

    B&R ha rinnovato il proprio brand e visual design, a rappresentare un importante e naturale momento di passaggio nel processo di evoluzione e crescita dell’azienda, con un maggiore focus sulla digitalizzazione e grazie alle nuove opportunità che...

  • Innovazione in vetrina all’Open House Heller

    Nel maggio scorso Heller ha organizzato una Open House presso la sede centrale di Nürtingen. L’evento si è concentrato sulle ultime generazioni di centri di lavoro a 4 e 5 assi, sono state presentate anche tecnologie innovative...

  • Conferito a un italiano il Nobel della robotica

    Tra i sei premiati con l’Engelberger Robotics Award, l’onorificenza più prestigiosa al mondo nel campo della robotica, quest’anno figura il professor Bruno Siciliano dell’Università Federico II di Napoli. Un riconoscimento non solo al docente ma anche all’eccellenza...

  • Vie italiane innovazione Unindustria Reggio Emilia MIT Technology Review
    Innovazione, le vie italiane al Tecnopolo di Reggio Emilia giovedì 23 giugno

    L’innovazione in Italia presenta caratteristiche originali, basate sulle sinergie settoriali e produttive che riflettono la peculiare struttura del sistema produttivo italiano, con forti ancoraggi territoriali e una diffusa creatività. Per analizzare e valorizzare queste caratteristiche, MIT Technology...

  • Duplomatic innovazione digitale sostenibile
    Transizione digitale sostenibile con Duplomatic dalla SPS di Parma

    La business unit Mechatronics di Duplomatic ha organizzato nella cornice di SPS a Parma un incontro dedicato al ruolo della tecnologia e dell’innovazione a servizio della trasformazione dell’industria verso la sostenibilità e la valorizzazione del fattore umano....

  • Hoffmann Group sistema caricamento
    Caricamento automatico entry-level nelle macchine utensili da Hoffmann Group

    Hoffmann Group amplia la propria gamma nell’automazione dei processi ad asportazione truciolo con il modello entry-level per il caricamento automatizzato su macchine utensili Garant Basic e Basic plus con robot Nachi. La soluzione, sviluppata in collaborazione con...

  • SAP digitalizzazione motociclismo Ducati Claudio Domenicali
    Motociclismo e digitalizzazione nell’accordo tra SAP e Ducati

    SAP e Ducati hanno stretto un accordo globale di collaborazione in base al quale la casa motociclistica italiana sceglie Rise with SAP per abilitare una importante business transformation che coinvolgerà tutti i processi aziendali. Una collaborazione strategica...

  • Unindustria Reggio Emilia Innovation Days 2022 Fabio Storchi
    Unindustria Reggio Emilia, casa della seconda tappa degli Innovation Days 2022

    La seconda tappa di Innovation Days 2022, roadshow del Sole 24 Ore e Confindustria tenutosi a metà maggio scorso, è stata dedicata alle imprese dell’Emilia Romagna, con apertura dei lavori affidata a Fabio Storchi, presidente di Unindustria...

Scopri le novità scelte per te x