Meccanica strumentale, 2021 anno d’oro nei dati Federmacchine

Pubblicato il 7 giugno 2022
Lesce-Federmacchine

Il 2021 è stato un vero anno d’oro per la meccanica strumentale rappresentata da Federmacchine, che nei dati consuntivi appena presentati registra una crescita del 21,6% nel fatturato del comparto in Italia, pari a un valore di 50,4 miliardi di euro. L’accelerazione ha consentito non solo di recuperare il terreno perso nel biennio 2019-2020, ma anche di migliorare il record del 2018.

Aumenti a doppia cifra anche per le esportazioni, cresciute del 18,1% a 32,9 miliardi di euro, ripartite dunque con slancio ma senza raggiungere i livelli toccati nel 2018. Ottime anche le consegne dei costruttori italiani sul mercato interno, che trainate dal consumo hanno toccato i 17,5 miliardi di euro, il 28,6% in più rispetto al 2020. La domanda espressa dal mercato domestico è salita del 29,7%, con una crescita a quota 27,2 miliardi di euro, un valore mai raggiunto prima. L’import si è attestato a 9,6 miliardi di euro, 31,7% in più nel confronto con il 2020.

Le imprese italiane hanno però dimostrato di saper ben presidiare il mercato locale, come evidenziato dal dato import/consumo al 35,5%. Scende invece di due punti percentuali il rapporto export/fatturato, al 65,2%.

Giuseppe Lesce, presidente Federmacchine, commenta così i dati: “Archiviato il 2020 flagellato dallo scoppio della pandemia, nel 2021 le imprese italiane del bene strumentale sono state protagoniste di una performance davvero eccezionale. Al punto che i dati di chiusura di anno appena presentati risultano decisamente superiori alle stime che il Gruppo Statistiche aveva elaborato nel luglio scorso in occasione dell’assemblea annuale della federazione. Il mercato italiano, sostenuto dagli incentivi 4.0, ha premiato la nostra offerta facendo volare il dato delle consegne dei costruttori e incentivando anche le importazioni. Ne deriva un’industria manifatturiera certamente più competitiva rispetto al passato, poiché dotata di tecnologie recenti e larga maggioranza digitali e interconnesse“.

“Il processo di transizione 4.0 avviato ormai da parecchi anni è in una fase cruciale del suo dispiegamento perché la consapevolezza della necessità di innovare gli impianti manifatturieri si sta allargando ad una platea sempre più ampia di imprese – prosegue il presidente -. È quindi necessario proseguire in questa direzione affinché il manifatturiero italiano continui a innovare assicurando così il miglioramento costante della competitività della nostra industria. In particolare riteniamo che gli incentivi 4.0 debbano divenire strutturali così da accompagnare in modo continuo e costante l’evoluzione tecnologica delle fabbriche. Alle autorità di governo chiediamo quindi di ragionare su un sistema che preveda, anche oltre il 2025, il mantenimento di queste misure, riducendo eventualmente le aliquote del credito di imposta attualmente in vigore”.

“Purtroppo – continua Lesce – il contesto di instabilità provocato dallo scoppio e dal prolungamento della guerra tra Russia e Ucraina rende tutta l’attività delle imprese decisamente più complessa. In questa situazione garantire continuità alle politiche di sostegno allo sviluppo attualmente operative è la prima risposta per rassicurare le imprese affinché proseguano con i propri piani di investimento, evitando così lo stallo del mercato e l’arresto dei consumi. A questo deve però aggiungersi un programma di interventi straordinari mirati a ridurre gli effetti più pesanti derivati dalla pandemia prima, e dalla guerra poi. Penso al tema del rincaro di materie prime ed energia e alla mancanza di disponibilità di materiali e componenti che arrivano dall’estero. Viviamo la situazione paradossale di essere carichi di ordini ma di non riuscire a produrre. È assurdo!”.

“La definizione di catene del valore più corte è materia che le imprese italiane, in molti casi, hanno già preso in considerazione da tempo, in risposta, anzitutto, allo scoppio della pandemia – dice infine Lesce -. Sappiamo però quanto tale percorso sia laborioso e articolato. Per questo abbiamo necessità di interventi immediati che possano ridurre l’impatto devastante che la situazione attuale potrebbe avere nel prossimo futuro. A questo proposito chiediamo un intervento immediato per la costituzione di un tavolo di lavoro con Ministero Sviluppo Economico e Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, per la definizione di nuovi canali di approvvigionamento delle materie prime in alternativa a quelli abitualmente utilizzati e ora interrotti dalla situazione contingente, così come chiediamo che siano calmierati i costi dell’energia per i cittadini e per le imprese”.



Contenuti correlati

  • Istat, produzione industriale giugno 2022

    Secondo i dati Istat, a giugno 2022 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale diminuisca del 2,1% rispetto a maggio. Nel secondo trimestre il livello della produzione aumenta dell’1,2% rispetto ai tre mesi precedenti. L’indice destagionalizzato...

  • Gefran cessione divisione azionamenti WEG
    Azionamenti, cessione della divisione dedicata di Gefran alla brasiliana WEG

    Gefran ha sottoscritto un accordo per la vendita della divisione business azionamenti al gruppo brasiliano WEG, per un valore complessivo di 23 milioni di euro. Il business degli azionamenti di Gefran opera nella progettazione, produzione e vendita...

  • Vanzetti Engineering pompe criogeniche Gastech 2022
    Pompe criogeniche per GNL Vanzetti Engineering a Gastech 2022

    Vanzetti Engineering partecipa a Gastech 2022, fiera internazionale a sostegno dell’industria del gas, del GNL , dell’idrogeno e dell’energia, in programma in Fiera Milano dal 5 all’8 settembre. L’azienda esporrà al proprio spazio in Gastech 2022 (stand...

  • Unacea macchine per costruzioni primo semestre 2022
    Macchine per costruzioni in crescita nei dati Unacea del primo semestre 2022

    Sul mercato italiano nei primi sei mesi del 2022 sono state introdotte 11.468 macchine per costruzioni, in aumento del +25% rispetto al primo semestre 2021 nei dati Unacea, Unione italiana macchine per costruzioni. In particolare, sono state...

  • CSCMP Academy master sustainability manager
    Sustainability manager, master a settembre con CSCMP

    Per diffondere la nuova cultura di attenzione alla sostenibilità e consolidare la nascente figua del Sustainability Manager, CSCMP Academy con IKN Italy (Institute of knowledge & networking) organizzano il master ’Supply chain sostenibile’, percorso formativo in sei...

  • SKF Rickard Gustafson ricavi crescita primo semestre 2022
    Solida crescita nel primo semestre 2022 per SKF

    Nel primo semestre 2022 SKF ha registrato una crescita dei ricavi su base organica oltre il 5%, con vendite nette pari a 23.655 milioni di corone svedesi e volumi di vendita relativamente stabili. A trainare la crescita...

  • Esab rebranding HKS monitoraggio saldatura
    Monitoraggio e analisi nella saldatura, rebranding Esab per HKS

    Esab annuncia che tutte le apparecchiature del marchio HKS per monitoraggio e analisi della saldatura sono state rinominate adottando il marchio e i colori Esab. La gamma di prodotti include il sistema per la garanzia della qualità...

  • Aveva raffinerie 4.0 efficienza sostenibilità pianificazione AI
    Raffinerie 4.0 efficienti e sostenibili in AI con Aveva

    Aveva, multinazionale inglese attiva nei software industriali che supportano le imprese verso la transizione digitale e la sostenibilità, ha rilasciato Aveva Unified supply chain schedule AI assistant, soluzione per la pianificazione delle attività degli impianti di raffinazione....

  • Anima Sicurezza nomina Garbelli
    Cinzia Garbelli nominata alla presidenza di Anima Sicurezza

    Cinzia Garbelli è la nuova presidente di Anima Sicurezza, associazione dei produttori di soluzioni e servizi per la custodia di beni e valori all’interno di Anima Confindustria. La presidente guiderà l’associazione per il prossimo biennio. Nominati anche...

  • Lesce-Federmacchine
    Beni strumentali, 2022 in rallentamento nella previsione di Federmacchine

    Per il 2022 è previsto un rallentamento dell’industria dei beni strumentali in Italia, dopo le ottime performance registrate nei dati elaborati dal Gruppo statistiche Federmacchine per il 2021, che hanno visto il fatturato toccare i 50,4 miliardi...

Scopri le novità scelte per te x