Federmeccanica, la carenza di laminati mette a rischio la produzione

Pubblicato il 7 aprile 2021
materie prime Federmeccanica Dal Poz

Occorre rivedere piani e previsioni di produzione nel breve-medio periodo. Non è solo l’aumento dei prezzi delle materie prime che preoccupa ma anche la carenza di materiali: “Se va avanti così – afferma il 15 marzo sulle pagine del Sole24Ore Alberto Dal Poz, presidente di Federmeccanica -,  tra un paio di mesi alcune imprese saranno costrette a fermare l’attività”.

L’allarme di Federmeccanica non è il primo e segue di poco quello lanciato dagli utilizzatori di plastica e dei consumatori di acciaio. Nella filiera delle auto inoltre alcuni impianti si sono già dovuti fermare per carenza di semiconduttori.

Come effetto collaterale, la carenza di materiali si ripercuote sui tempi di consegna: “Si sono allungati tantissimo – precisa Dal Poz -, anche di 8 settimane rispetto agli standard. Inoltre la qualità media si è abbassata, talvolta arriva materiale inadeguato”.

Alle origini di questa fase di incertezza non c’è solo la Cina, uscita dall’emergenza Covid più vorace di materie prime e divenuta anche importatore netto di acciaio e alluminio. Vi è anche l’impianto dell’ex Ilva, importante produttore di laminati a livello europeo, che ora funziona a ritmo ridotto con il rischio, sempre vivo, di fermarsi del tutto. E infine più recentemente, ma non di poco conto viste le preoccupazioni della Bce, il fallimento di Greensill Capital che mette nei guai l’acciaio Uk del magnate indiano Sanjeev Gupta e migliaia di risparmiatori tedeschi.

L’aumento della richiesta di materie prime resta indubbiamente un segnale di ripresa, anche in Europa. Gli ulteriori ostacoli che possono interporsi sono dovuti alle misure antidumping nei confronti della Cina, ai dazi e non ultima la crisi dei container marittimi che ha ripercussioni sulle supply chain. Un caos logistico che rischia di aggravarsi con l’incidente nel canale di Suez.

Secondo Assofermet, che ha già scritto alla Commisione europea chiedendo di non prorogare il sistema delle salvaguardie, il colpevole numero uno è proprio l’eccesso di misure protezionistiche. Propensa invece a mantenere il sistema delle salvaguardie intervenendo semmai con alcune ricalibrature è invece Federacciai, per voce del presidente Alessandro Banzato.

Franco Metta



Contenuti correlati

  • Nasce Acciaierie d’Italia. Lo Stato entra nell’Ex Ilva con 400 milioni

    A cinque mesi dalla sottoscrizione dell’intesa tra Invitalia e ArcelorMittal, avvenuta il 10 dicembre scorso, si è sbloccato finalmente l’ingresso dello Stato nel capitale dell’Ex Ilva. ArcelorMittal e Invitalia, società del Ministero dell’Economia e delle Finanze, hanno...

  • Ensinger gamma insulbar
    Ensinger arricchisce il catalogo dei profili isolanti insulbar

    Ensinger ha ampliato il catalogo di profili isolanti in alluminio insulbar per una visualizzazione più semplice e immediata dei dettagli relativi alla vasta gamma di prodotti disponibili, unitamente alle molte opzioni di rifinitura dedicate all’ottimizzazione termica e...

  • Made in Steel ottobre
    Made in Steel, l’appuntamento slitta a ottobre

    Viene posticipato da maggio a ottobre 2021, dal giorno 5 al 7, l’appuntamento con Made in Steel, evento dedicato alla filiera siderurgica organizzato da siderweb che si terrà in fieramilano Rho, in parziale concomitanza con la manifestazione...

  • Eaton valvola SLV20
    Valvole con load sensing per bassa portata da Eaton

    Eaton lancia la valvola direzionale proporzionale con load sensing SLV20, soluzione flessibile per gestione della portata flow-sharing prioritaria nei macchinari di piccole e piccolissime dimensioni. La valvola è progettata in sezioni in alluminio, che pesano molto meno...

  • Assofond bilancio 9 mesi Ariotti
    Ottimismo nel settore fonderia nei dati Assofond del IV trimestre 2020

    Mostra chiari segnali di ripresa l’indagine Assofond sul IV trimestre 2020, con una variazione ponderata del fatturato a +12% sul trimestre precedente. Variazione molto dinamica rispetto allo 0% del terzo sul secondo e al minimo assoluto del...

  • Acciaieria Arvedi garanzia Sace
    Green New Deal nell’acciaio con garanzia Sace per il Gruppo Arvedi

    E’ il Gruppo Arvedi il primo sottoscrittore di un’operazione per il Green New Deal, il piano europeo che promuove l’economia circolare, mediante un finanziamento con garanzia Sace. L’operazione vale un importo complessivo di 240 milioni di euro...

  • Faulhaber azionamento cavo
    Azionamenti ad albero cavo compatti da Faulhaber

    Faulhaber ha sviluppato un innovativo azionamento diretto con apertura centrale, con motore passo-passo della serie DM66200H. La soluzione è progettata per applicazioni che richiedono ampia apertura, per il passaggio ad esempio di luce, cavi o parti dell’applicazione....

  • siderweb acciai speciali
    Acciai speciali, due anni per la ripresa nelle stime siderweb

    Ha registrato un calo circa del -10% la produzione italiana di acciaio inox nei primi 8 mesi del 2020, mentre è sceso di quasi il 20% l’output di acciai legati rispetto allo stesso periodo del 2019. Sono...

  • Antonio Gozzi Duferco
    Duferco torna italiana al 100% e avvia nuovi investimenti

    Si scioglie dopo 12 anni di proficua collaborazione la joint venture tra Duferco e l’americana Nucor in Duferdofin, produttore di punta italiano di travi in acciaio per le costruzioni con una capacità di oltre 1 milione di...

  • Geartec microfresatura
    Microlavorazioni a cinque assi potenziate in Geartec

    Geartec investe nel rafforzamento del proprio reparto dedicato alle micro-lavorazioni con l’acquisto di un nuovo impianto di microfresatura a cinque assi, al fine di garantire maggiore qualità e ulteriore flessibilità produttiva. Il reparto, creato in Geartec nel...

Scopri le novità scelte per te x