Federmeccanica, la carenza di laminati mette a rischio la produzione

Pubblicato il 7 aprile 2021
materie prime Federmeccanica Dal Poz

Occorre rivedere piani e previsioni di produzione nel breve-medio periodo. Non è solo l’aumento dei prezzi delle materie prime che preoccupa ma anche la carenza di materiali: “Se va avanti così – afferma il 15 marzo sulle pagine del Sole24Ore Alberto Dal Poz, presidente di Federmeccanica -,  tra un paio di mesi alcune imprese saranno costrette a fermare l’attività”.

L’allarme di Federmeccanica non è il primo e segue di poco quello lanciato dagli utilizzatori di plastica e dei consumatori di acciaio. Nella filiera delle auto inoltre alcuni impianti si sono già dovuti fermare per carenza di semiconduttori.

Come effetto collaterale, la carenza di materiali si ripercuote sui tempi di consegna: “Si sono allungati tantissimo – precisa Dal Poz -, anche di 8 settimane rispetto agli standard. Inoltre la qualità media si è abbassata, talvolta arriva materiale inadeguato”.

Alle origini di questa fase di incertezza non c’è solo la Cina, uscita dall’emergenza Covid più vorace di materie prime e divenuta anche importatore netto di acciaio e alluminio. Vi è anche l’impianto dell’ex Ilva, importante produttore di laminati a livello europeo, che ora funziona a ritmo ridotto con il rischio, sempre vivo, di fermarsi del tutto. E infine più recentemente, ma non di poco conto viste le preoccupazioni della Bce, il fallimento di Greensill Capital che mette nei guai l’acciaio Uk del magnate indiano Sanjeev Gupta e migliaia di risparmiatori tedeschi.

L’aumento della richiesta di materie prime resta indubbiamente un segnale di ripresa, anche in Europa. Gli ulteriori ostacoli che possono interporsi sono dovuti alle misure antidumping nei confronti della Cina, ai dazi e non ultima la crisi dei container marittimi che ha ripercussioni sulle supply chain. Un caos logistico che rischia di aggravarsi con l’incidente nel canale di Suez.

Secondo Assofermet, che ha già scritto alla Commisione europea chiedendo di non prorogare il sistema delle salvaguardie, il colpevole numero uno è proprio l’eccesso di misure protezionistiche. Propensa invece a mantenere il sistema delle salvaguardie intervenendo semmai con alcune ricalibrature è invece Federacciai, per voce del presidente Alessandro Banzato.

Franco Metta



Contenuti correlati

  • ISTech segatrici My Steel Luca Benzoni
    Segatrici ISTech nel taglio a misura di My Steel

    My Steel, specializzata nel servizio di taglio a misura di acciai di ogni tipo, riesce a soddisfare le richieste anche per piccoli lotti o pezzi unici grazie alla gamma di segatrici ISTech presente nel proprio parco macchine....

  • Sandvik additive polveri metalliche metal powder
    Polveri metalliche in AM, Sandvik incrementa la produzione

    Sandvik ha aumentato la propria capacità produttiva delle polveri metalliche per additive manufacturing con l’installazione di due nuove torri di atomizzazione nel sito produttivo di Neath, UK. L’espansione porta a un totale di dodici le torri, aumentando...

  • EOS Al2139 AM lega alluminio additivo
    Additivo in alluminio ad alta resistenza da EOS

    EOS amplia la sua gamma di materiali per stampa 3D industriale con EOS Aluminium AI2139 AM, lega progettata specificamente per additive manufacturing che offre leggerezza per ridurre notevolmente il peso delle parti, alta resistenza e prestazioni elevate...

  • Mecspe 2021 numeri manifattura fabbrica senza limiti
    Fabbrica aperta e sostenibile, grande riscontro per Mecspe 2021

    Si è chiusa con un totale di 48.562 visitatori la 19ima edizione di Mecspe, fiera dedicata alla manifattura e a Industria 4.0 organizzata da Senaf, tenutasi per il primo anno a BolognaFiere dal 23 al 25 novembre...

  • siderweb comparto trafilerie Bilanci d'acciaio
    Trafilerie, i dati relativi al 2020 nell’analisi siderweb

    Anno 2020 complicato anche per il comparto delle trafilerie, che nei dati contenuti nell’analisi di siderweb Bilanci d’acciaio 2021 ha generato un fatturato di 1,544 miliardi di euro, in calo del 16,2% sul 2019. Il valore aggiunto...

  • Turck Banner chiamata parti wireless workstation
    Comunicazione wireless alle workstation con Turck Banner

    Il wireless kit call-for-parts di Turck Banner semplifica la comunicazione con le workstation grazie a pulsanti wireless a sfioramento e interfacce operatore. La soluzione consente fino a un massimo di 35 postazioni di lavoro di chiamare 12...

  • Nuova Oleodinamica Bonvicini elettrico
    Spinta su automotive elettrico per Nuova Oleodinamica Bonvicini

    Attenta alle tematiche di sostenibilità e riduzione delle emissioni, Nuova Oleodinamica Bonvicini rinnova il proprio impegno verso il settore dell’automotive elettrico, dando una seconda possibilità a un comparto che, ostacolato dalla crisi europea e dalla pandemia, negli...

  • schaeffler fatturato nove mesi 2021 CEO klaus-rosenfeld
    Fatturato 2021 in crescita a doppia cifra per Schaeffler

    Il fatturato nei primi nove mesi del 2021 del Gruppo Schaeffler è cresciuto del 15,9% sullo stesso periodo del 2020, al netto degli effetti di cambio, raggiungendo la cifra di 10.346 milioni di euro. L’aumento è dovuto...

  • Assofond nomina presidente Fabio Zanardi
    Cambio al vertice Assofond, Fabio Zanardi è il nuovo presidente

    Fabio Zanardi, presidente e ad di Zanardi Fonderie, è il nuovo presidente di Assofond, l’associazione di Confindustria che rappresenta le imprese di fonderia italiane. Zanardi subentra a Roberto Ariotti, alla guida di Assofond dal 2013 e attualmente...

  • Ruland rigid couplings giunti rigidi industria alimentare
    Giunti rigidi Ruland per applicazioni nell’industria alimentare

    Ideali per applicazioni nell’industria alimentare, i giunti rigidi di Ruland (distribuiti da Getecno in Italia) trasmettono valori di coppia anche elevati, con precisione e ripetibilità. I giunti rigidi sono disponibili nelle versioni in uno e due pezzi, in...

Scopri le novità scelte per te x