Compressori Atlas Copco per l’economia dell’idrogeno

Pubblicato il 24 giugno 2021
Compressore idrogeno Atlas Copco

Atlas Copco è pronta a contribuire alla crescita dell’economia dell’idrogeno grazie all’esperienza nella compressione di gas naturale e idrogeno maturata in 60 anni di attività, e a una gamma di compressori ampia e modulare con range di pressioni che possono arrivare fino a 1.000bar.

Diverse sono infatti le pressioni a cui l’idrogeno viene immagazzinato a seconda delle aree applicative, per ottenere il miglior equilibrio tra spesa energetica e spazio disponibile per l’accumulo. E molte sono le aree applicative nelle quali l’impiego dell’idrogeno sarà determinante nei prossimi anni, a supporto della nuova sfida della green economy.

In ambiente industriale, l’idrogeno, prodotto in loco, è solitamente immagazzinato a 250bar. La stessa pressione è utilizzata oggi nei carri bombolai usati per il suo trasporto, anche se si nota in Europa una evoluzione verso 300bar e i 500bar: alzare la pressione di stoccaggio permette infatti di immagazzinare maggiori quantitativi di idrogeno per unità di volume consentendo un carico maggiore e movimentazione più efficiente.

Il settore dei trasporti utilizza l’idrogeno a 350bar/35Mpa, in particolare per i mezzi pesanti, ed è al momento uno dei settori di mercato più interessanti. Per le autovetture si sta andando invece verso 700bar/70Mpa, in modo da garantire la ricarica veloce e aumentare l’autonomia, quindi i chilometri percorribili tra un pieno e l’altro. Sempre per quanto riguarda il settore dei trasporti, vale la pena citare la regola tecnica approvata dal decreto del Ministero dell’Interno il 23 ottobre 2018 in base alla quale l’Italia si è adeguata agli standard internazionali per la costruzione delle stazioni di rifornimento di idrogeno per autotrazione. Tale regola tecnica tratta della prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio degli impianti di distribuzione di idrogeno per autotrazione.

Interessante è pure il ‘power to gas’, in cui l’idrogeno è utilizzato per immagazzinare l’energia in esubero prodotta dagli impianti di produzione non programmabili, fotovoltaici e/o eolici. Nei momenti di scarsa produzione dell’impianto sarà la fuel cell (pila a combustibile), alimentata dall’idrogeno prodotto da un elettrolizzatore e stoccato a 250bar, a produrre l’elettricità da immettere in rete in un secondo momento, quando necessario.

Altri settori di interesse sono poi l’industria chimica, in cui è utilizzato anche come reagente, e quello della microelettronica.

Atlas Copco Compressione idrogeno H2

Atlas Copco è già attiva in diverse aree di mercato in cui l’idrogeno avrà presto un ruolo fondamentale e crescente, con vari progetti in corso in Italia e all’estero, tra Olanda, Germania e Regno Unito dove sta collaborando con diversi partner alla creazione di stazioni di rifornimento. In Spagna è impegnata nel progetto di realizzazione della più grande stazione di rifornimento idrogeno d’Europa e in Italia sta collaborando per una stazione di rifornimento di autobus a idrogeno con erogazione a 35Mpa, dove sarà installato un compressore da 450bar completo di cabinato in cemento armato.
L’azienda sta anche lavorando al progetto di un sistema per comprimere l’idrogeno che dovrà alimentare, in miscela con il metano, una turbina a gas.

“Il settore dell’idrogeno si sta muovendo rapidamente e il suo ruolo nella transizione energetica è stato confermato ultimamente dal Recovery Plan – afferma Elena Marazzi, product marketing manager di Atlas Copco -. Riteniamo di poter contribuire attivamente allo sviluppo di questo mercato, grazie alla consolidata esperienza e all’ampia gamma d’offerta.  Possiamo infatti offrire soluzioni personalizzate per qualsiasi tipo di esigenza, garantendo consulenza tecnica prevendita e supporto tecnico durante lo sviluppo del progetto. La nostra presenza globale, con customer center locali in più di 180 paesi, garantisce assistenza tecnica tempestiva anche all’estero”.

L’offerta dell’azienda include compressori a pistoni Oil-free con configurazione orizzontale, bilanciata e contrapposta per portate fino a 11.000 Nm3/h e pressioni fino a 80bar, adatte per alimentazione nel settore industriale e Oil&gas, e compressori a trasmissione idraulica con range di pressione 250, 450, 700 e 1.000bar, particolarmente adatti ad applicazioni per mobilità e stoccaggio.

Le caratteristiche principali di questi ultimi sono:

  1. Semplicità di installazione: grazie alla trasmissione idrostatica a bassa frequenza che non richiede fondazioni o fissaggi di alcun tipo
  2. Flessibilità di utilizzo: ossia la possibilità di interrompere l’erogazione del gas istantaneamente per riprenderla in qualsiasi momento senza necessità di sfiatare il compressore
  3. Lunga vita utile di tutti i componenti: infatti il pistone nel suo moto alternativo lavora a una velocità molto inferiore rispetto a quella di altre tipologie di compressori, riducendo l’usura degli organi di tenuta
  4. Possibilità di monitoraggio da remoto

Per il settore dei trasporti sono disponibili soluzioni complete, con uno o più salti di compressione, sistema di raffreddamento e container/cabinato. Per il mercato italiano, in particolare, le soluzioni prevedono cabinati in calcestruzzo armato compatibili con la normativa vigente.

 



Contenuti correlati

  • Valeo mobilità sostenibile IAA
    Mobilità elettrica, autonoma e sicura Valeo alla IAA Mobility

    Valeo ha portato all’IAA Mobility 2021 di Monaco di settembre una serie di novità tecnologiche per una mobilità più sicura, sostenibile e diversificata. Sulla scia dell’emergenza sanitaria, l’azienda ha presentato un purificatore d’aria a raggi ultravioletti per...

  • Atlas Copco compressori container Serioplast
    Aria compressa plug and play con compressori Atlas Copco per Serioplast

    Serioplast, produttore di imballaggi in plastica rigida per prodotti per igiene personale, pulizia della casa, bucato e alimentazione, ha scelto i compressori Atlas Copco per il nuovo stabilimento di Pianiga, provincia di Venezia, dedicato a produrre contenitori...

  • ZF sensore smart chassis
    Sensori ZF integrati come componenti smart nello chassis

    ZF integra un sensore innovativo per rilevamento altezza nello chassis, che oltre a regolare in modo dinamico la profondità del proiettore supporta vari sistemi semi-attivi e attivi per la regolazione dello chassis stesso. L’integrazione di componenti intelligenti...

  • Parker Hannifin evento virtuale Oil & Gas
    Flessibilità nel settore Oil and gas, evento virtuale Parker il 6-7 ottobre

    Parker Hannifin annuncia che terrà una fiera virtuale dedicata al settore Oil & Gas e ai mutamenti in corso nel mondo dell’energia, il 6-7 ottobre 2021. L’evento O&G to Energy: flexibility in a changing world accoglierà professionisti...

  • Atlas Copco Wear Deflector pompe drenaggio acqua
    Pompe da drenaggio altamente affidabili con tecnologia Atlas Copco

    La divisione Power and flow di Atlas Copco presenta la piattaforma tecnologica Wear Deflector, applicata alle sue pompe sommergibili da drenaggio Weda D70, che offre elevatissime prestazioni per la rimozione di acqua in modo più affidabile. Ideale...

  • Parker Hannifin hydrogen council idrogeno
    Idrogeno, Parker Hannifin entra nell’Hydrogen Council

    Parker Hannifin Corporation annuncia di essersi unita alla Hydrogen Council, iniziativa globale guidata dai CEO di aziende leader unite dalla visione a lungo termine di promuovere la transizione verso l’energia pulita, per creare un futuro migliore e...

  • Mitsubishi Electric Scada
    Automazione Scada e IoT ampliati con Mitsubishi Electric

    Mitsubishi Electric amplia la propria linea di soluzioni software di automazione Scada e IoT per i mercati Emea, grazie anche all’acquisizione nel 2019 della statunitense Iconics. L’offerta in tale ambito dell’azienda include già una gamma completa di...

  • Terranova trasmettitori Atex T7
    Trasmettitori per ambienti Atex Valcom e Spriano da Terranova

    Valcom e Spriano, i due storici marchi di strumentazione che insieme a Mec-Rela formano il Gruppo Terranova, offrono un set completo di trasmettitori adatti a lavorare in ambienti esplosivi (in accordo con la direttiva 2014/34EU Atex) fino...

  • Chip per semiconduttori, Bosch apre a Dresda la sua prima fabbrica AIoT

    Bosch ha aperto a Dresda la sua prima fabbrica AIoT per la produzione di chip per semiconduttori completamente connessa, basata sui dati e auto ottimizzante. La presentazione della struttura high tech è avvenuta lo scorso 7 giugno,...

  • SDProget kit scuola CAD formazione
    Software CAD e CAE SDProget per scuola secondaria e Università

    Il Kit Scuola di SDProget è stato studiato come un pacchetto dei principali software CAD dell’azienda destinato a scuole e Università, per favorire l’acquisizione di competenze fondamentali nel mondo professionale. A tal fine, SDProget Industrial Software ha...

Scopri le novità scelte per te x