Uomini & Imprese n° 12 – giugno 2016

Brexit è un’occasione di rilancio per l’Italia

Ci sono fasi della vita, anche di quella di un Paese, nelle quale è necessario avere il coraggio di osare. E la Brexit può essere un’occasione storica da cogliere per l’Italia: da un lato per attrarre tutti quei potenziali capitali in fuga dal Regno Unito e dall’altro lato per essere protagonisti nel processo di riforma di una UE che si è dimostrata debole ed eccessivamente tecnocratica. Il caso dell’Ilva è emblematico: l’infrastruttura industriale più importante per la sua incidenza sul PIL del Paese è sottoposta a un’asta dove i fattori tempo e prezzo sono vincolanti. È il fulgido esempio di un meccanismo vizioso, opprimente e spesso antiliberale che alimenta un circuito contrario, dove invece di combattere disoccupazione e disagio sociale ne alimenta di ulteriore. L’Italia non deve solo chiedere regole nuove per tutti alla UE dettandone l’agenda, o parte di essa, ma per esserne un credibile leader deve dimostrare capacità di ridurre il suo debito pubblico, sanare le sofferenze bancaria e portare a termine le riforme della burocrazia e del sistema della giustizia civile. È il momento nel quale l’Italia deve dare un segnale forte perché possa cogliere questa storica occasione di non disperdere il valore di un Paese strutturalmente forte, fatto di risparmio e imprenditori innovativi. Dove abbiamo un Nord del Paese che cresce a ritmi superiori al resto del continente. E allora lanciamo il cuore oltre l’ostacolo cercando di ospitare a Milano la sede dell’European Banking Authority che se ne andrà da Londra, così come Parigi ospita l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati e Francoforte la Banca Centrale Europea. Portiamo fino in fondo l’idea di creare una ‘no taxi area’ a Bagnoli o nell’area cablata di Expo per attrarre non solo la ricerca ma anche la finanza e le start up più innovative.

Luca Rossi



Articoli in questo numero

  • Così si azzererebbe il debito pubblico

    Quello che è considerato un macigno per l’economia italiana, il debito pubblico, si potrebbe azzerare con un’azione di contenimento della spesa. E da lì poi attivare politiche espansive. Carlo Cottarelli, Executive Director del Fondo Monetario Internazionale, ci...

  • L’eccellenza del pharma parla italiano

    È il presidente più longevo nella storia di Farmindustria e ha recentemente ricevuto un prestigioso premio quale CEO dell’anno 2016 per l’innovazione farmaceutica. Un anno di successi per Massimo Scaccabarozzi, presidente di Farmindustria, CEO e presidente di...

  • Portiamo il mondo in Fiera Milano

    Da un solo anno è amministratore delegato di Fiera Milano ma ha già impresso la sua visione: fare del quartiere milanese un importante player internazionale che esalti l’eccellenza del Made in Italy nel mondo. Corrado Peraboni ci...

  • Brexit, quali gli effetti?

    Dopo lo shock all’indomani del referndum britannico sull’uscita del Regno Unito dall’UE, ci si chiede quali saranno le conseguenze concrete. Una serie di fattori sono al momento difficili da quantificare, come l’impatto che una simile situazione è...