RMO 204 – maggio – 2017

Il PIL accelera. Ma non in Italia

L’economia globale attraversa una fase di turbolenza ma gli indicatori segnano una crescita nei prossimi anni. Nel 2018 la Cina potrebbe tornare ad essere fonte di volatilità, in attesa che le autorità di Pechino ridisegnino la mappa di potere per i prossimi 5 anni. L’esuberanza dei mercati, a seguito dell’elezione negli USA di Donald Trump, si sta ridimensionando e cominciano ad affiorare dei timori. Tra i pochi Paesi che arrancano c’è l’Italia. Lo indica un recente rapporto Prometeia, la società di ricerca economica. Secondo il report Prometeia, alla fine dello scorso anno il livello del PIL del nostro Paese era inferiore di oltre il 7% rispetto ai massimi fatti registrare all’inizio del 2008. A differenza nostra, quel gap è stato notevolmente ridotto dalla Spagna che ora è arrivata a una distanza di solo l’1% nel medesimo periodo temporale. Nella media dell’Eurozona il PIL è stato invece superiore del 2,4%. Stesso trend crescente l’hanno fatto registrare la Germania (7,8%) e la Francia (4,5%). Lo scorso anno la crescita italiana, misurata pro-capite, è stata più alta di quella di USA, Francia e Germania. Una buona notizia all’apparenza, dovuta però al calo demografico della popolazione italiana. Prometeia ha rivisto al rialzo la stima di crescita per l’Italia sia per il 2017 (+0,9% dal +0,7%) sia per il 2018 (+0,9% dallo 0,8%). Se passiamo ad analizzare i dati riguardanti il mercato del lavoro, il quadro non cambia. A dieci anni circa dall’inizio della crisi è occupato il medesimo numero di persone, anche se per meno ore, mentre il divario tra Nord e Sud è rimasto immutato. Segnali positivi arrivano, invece, dall’offerta di lavoro femminile e degli over 55, dalla domanda di lavoro stabile e dal ri-orientamento dell’occupazione verso i servizi.

Luca Rossi



Articoli in questo numero

  • Una soluzione versatile e indipendente

    Gli impianti produttivi del settore cosmetico devono garantire la versatilità necessaria per soddisfare le mutevoli richieste dei consumatori. Sei robot Scara indipendenti di Mitsubishi Electric hanno permesso a IDM Automation di allestire, per il produttore di cosmetici...

  • Produzione innovativa di stampi high-tech

    Con l’installazione integrata dei centri di lavorazione CNC a 5 assi a prestazioni elevate di Hermle, la produzione di Hirschmann Automotive si arricchisce di nuove soluzioni tecnologiche. Emergono esperienze estremamente positive, sia in termini di prestazioni sia,...

  • Lavorazioni difficili senza problemi

    La serie VMC MT presentata da Emag si caratterizza per macchine particolarmente adatte alla lavorazione di pezzi a sbalzo con geometrie complesse. Queste soluzioni sono dotate di diverse possibili configurazioni in grado di facilitare i cambi rapidi...

  • Quando la produzione si impenna

    Shad, storico marchio di riferimento nell’ambito dell’accessoristica per motocicli, ha scelto Universal Robots per migliorare i propri processi produttivi. Il robot UR5 lavora gomito a gomito con gli operatori, grazie alle proprie quindici funzioni di sicurezza, ed...

  • Assemblaggio robotizzato

    L’esperienza di Elettrosystem con robot Comau traccia il futuro per le lavorazioni di precisione in spazi ridotti. Le applicazioni sono molteplici: dall’industria automotive fino alle schede elettroniche. Leggi l’articolo  

  • Flessibili, precisi e produttivi

    La Sintech è specializzata nelle automazioni per l’assemblaggio, la manipolazione, il collaudo e i controlli funzionali in linea. L’azienda ha scelto i robot ABB per l’affidabilità, per la completezza della gamma e soprattutto per la semplicità di...

  • Industria 4.0, la rivoluzione nelle operation

    Il tema della fabbrica automatica è ormai una realtà ben compresa dagli operatori del settore. La digitalizzazione dei processi gestionali e la loro integrazione, comprende tutti i partner appartenenti alla catena del valore. Ma non è tutto,...

  • Con le carte in regola

    Un sito creato per iniziativa di TechSert, tramite la sua consociata TS TeST, permette alle aziende che vogliono approcciare il mercato della Federazione Russa di farlo muovendo i giusti passi nel sistema delle certificazioni in quel Paese....

  • Ritorno al futuro

    Secondo alcuni osservatori, il PIL russo dovrebbe poter invertire la tendenza negativa degli ultimi tre anni e raggiungere presto un insperato +0,8%. Qualche segnale positivo porta a pensare che la tendenza negativa dell’export italiano possa finalmente essere...

  • Settantacinque anni di Sandvik Coromant

    L’anniversario del Gruppo svedese è stato l’opportunità per visitare il sito produttivo di Gimo, in Svezia, centro sostenibile e altamente automatizzato, dove vengono concepiti utensili intelligenti e sistemi di raccolta e monitoraggio dati: l’ambiente ideale per testare...

  • Investire sulla qualità

    La frase riassume in maniera sintetica quanto ci hanno detto alcuni autorevoli rappresentanti di case produttrici di macchine per la deformazione. Concetti come automazione, flessibilità, innovazione, affidabilità, riduzione degli sprechi e contenimento dei consumi, sono presupposti imprescindibili...

  • Obiettivo: crescita tecnologica

    Michele Viscardi è il nuovo presidente di Aidam (Associazione italiana di automazione meccatronica). In un momento di cambiamento epocale dell’industria manifatturiera, scopriamo insieme le linee guida che caratterizzeranno il mandato del presidente, che riflette sulla Fabbrica Intelligente...