RMO 202 – marzo 2017

Sbaglia Bill Gates, non tassiamo l’innovazione

Secondo Bill Gates, il celebre fondatore di Microsoft, il lavoro dei robot dovrebbe andare tassato. In un’intervista al sito Quartz, l’imprenditore statunitense parte dall’assunto che se i Governi tassassero il lavoro fatto dalle macchine si ridurrebbe l’impatto negativo dovuto alla progressiva sostituzione del lavoro umano con quello automatizzato. Non solo, per Gates una tassa rallenterebbe il processo di automazione, dovuto alle spese che le aziende dovrebbero mettere in conto, dando così tempo ai Paesi di fare quegli investimenti necessari per formare le persone rimaste senza lavoro in altri ambiti. Diamo merito a Bill Gates di avere dato il là a un dibattito più ampio, quello della tutela del capitale umano in uno scenario caratterizzato da Industria 4.0 e dall’implementazione delle tecnologie interconnesse. Secondo uno studio McKinsey, infatti, con le attuali risorse tecnologiche il 45% degli impieghi attualmente svolti dalle persone potrebbe essere automatizzato e circa il 60% delle attività produttive potrebbe essere automatizzato almeno del 30%. Per Gates il passaggio dalla situazione attuale a quella futura avverrà praticamente tutto in una volta: per questo i Governi – e non le aziende – dovrebbero cominciare a pensare a come affrontare la situazione per evitare che si formino nuovi tipi di ineguaglianze e disoccupazione di massa. Tra le molte strade possibili, Gates ne cita una, che non esclude le altre: introdurre una tassa sui robot. Lo scorso anno anche il Parlamento Europeo si è interrogato su come le aziende dovessero rivalorizzare le competenze delle persone sostituite nelle loro mansioni dai robot. È chiaro che il tema posto da Bill Gates deve trovare un dibattito costruttivo perché, in un quadro di quarta Rivoluzione Industriale, vanno garantite anche le condizioni di tenuta sociale. Ma è altrettanto chiaro che, in un momento nel quale alle imprese è chiesto uno sforzo di investimenti per dotarsi di strumenti per competere sullo scenario di Industria 4.0 non è pensabile gravarle di un ulteriore fardello. Insomma, la questione è ben posta ma la soluzione forse meno.

Luca Rossi



Articoli in questo numero

  • L’utensile virtuale che ci salva dai guai

    La digitalizzazione di processi che in passato venivano svolti manualmente, come la selezione dei vari elementi di attrezzamento per la creazione dell’assieme utensile, può determinare un notevole aumento dell’efficienza e della sicurezza della lavorazione. Una soluzione di...

  • Valore aggiunto per l’utilizzatore

    MCM correda le sue macchine del jNode, un ponte di comunicazione tra la macchina e il cloud, all’interno del quale è installato il software di supervisione jFMX. Avanzate applicazioni consentono di elaborare, aggregare e trasformare i dati...

  • Processi industriali semplici e flessibili

    I sistemi proposti da IT+Robotics permettono un incremento della produttività e della qualità dei prodotti, grazie alle innovazioni nella visione e nella simulazione. L’industria 4.0 inizia dalla ricerca scientifica applicata all’industria. Leggi l’articolo

  • La produzione del futuro

    ‘Let’s get on board Industry 4.0!’ è il messaggio che Samac, specializzata nella progettazione e fabbricazione di impianti personalizzati per l’automazione dei processi di assemblaggio e collaudo, trasmette da qualche mese all’interno e all’esterno della propria organizzazione....

  • Un’azienda a misura di futuro

    Il sogno di creare un network produttivo digitale sta diventando realtà alla Laser Alsace Production (LAP) di Rosheim, dove un imprenditore particolarmente dinamico ha fatto tesoro della partnership con Trumpf. Il suo stabilimento è ora equipaggiato con...

  • Largo all’innovazione 

    Una serie di soluzioni avanzate da integrare sulle proprie macchine e sui sistemi, sviluppo di nuovi pacchetti software/hardware per dare vita a prodotti altamente ingegnerizzati e con alto grado di personalizzazione. Jobs vuole sfruttare tutte le potenzialità...

  • Assemblaggio flessibile grazie ai robot

    Wild & Küpfer ha affidato l’assemblaggio di circuiti stampati di motori a una cella robotizzata flessibile, costituita da tre robot Fanuc LR Mate 200iD con capacità di carico di 7 kg equipaggiati con sistema iRVision. Risultati: riduzione...

  • Robot flessibili per le guarnizioni

    Per l’asservimento di quarantadue macchine utensili dedicate alla produzione di guarnizioni in plastica di alto profilo tecnologico, Trelleborg ha optato per le soluzioni Universal Robots. I robot prescelti sono flessibili, di piccole dimensioni e non necessitano di...

  • Come si rivoluziona la logistica

    Spider Sorter è un impianto di smistamento con automazione robotizzata innovativo. Realizzato dalla Fast Man Service, in collaborazione con la LID Logistic e ABB Robotics. Il sistema è applicato al processo di allestimento ordini Prenatal nella sede...

  • Pezzi puliti ad alta tecnologia

    La Fismet Service mette a disposizione tutte le più avanzate tecniche di lavaggio e pulizia industriale: dagli ultrasuoni, all’anidride carbonica fino al vapore sovrasaturo, investendo costantemente nella ricerca di soluzioni tecnologiche sempre più sicure ed ecocompatibili. Leggi...

  • L’alta tecnologia salta all’occhio    

    Quello della verniciatura industriale è un settore caratterizzato da soluzioni altamente specializzate che devono garantire altissimi livelli qualitativi. Un mondo fatto di complessità che devono essere affrontate garantendo eccellenza e perfezione estetica, rispettando stringenti specifiche e tempistiche...

  • Marposs, un connubio di etica e tecnologia

    Marposs è oggi uno dei leader mondiali nella realizzazione di sistemi di misura di alta precisione. Una crescita fatta attraverso l’apertura di filiali e una politica di acquisizioni mirate. Con il presidente Stefano Possati, ripercorriamo questo cammino,...