RMO 201 – gennaio/febbraio – 2017

Protezione dei dati, aziende in ritardo

Solo il 27% delle imprese italiane è a conoscenza degli obblighi della nuova normativa sulla protezione dei dati personali che entrerà in vigore nel maggio del prossimo anno. Appena il 9% ha già avviato un progetto per adeguarsi. In pochi casi i budget sono adeguati. La ricerca dell’Osservatorio Security&Privacy del Poliotecnico di Milano traccia un quadro di come le imprese italiane si stanno lentamente avviando sul percorso di adozione del paradigma di Industria 4.0 tra luci ed ombre.

Il General Data Protection Regulation, il regolamento europeo sulla protezione dei dati personali, è stato approvato in via definitiva il 14 aprile 2016 e pubblicato il 4 maggio 2016 sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea. Già realtà per gli Stati membri, il testo legislativo si applicherà dopo due anni dalla data dell’entrata in vigore, per permettere così che i destinatari possano compiere tutte le azioni necessarie per mettersi in regola. Ma cosa stanno facendo le aziende italiane per adempiervi? La ricerca mostra uno scenario ancora in divenire: le imprese italiane stanno progressivamente prendendo confidenza delle implicazioni della nuova regolamentazione sulla protezione dei dati personali, che però è ancora percepita perlopiù come un questione di carattere legale, di cui si conoscono in modo ancora poco chiaro le implicazioni concrete per le soluzioni di information security.

È dunque necessaria un’accelerazione per non farsi trovare impreparati alla scadenza del prossimo anno. Dalla ricerca risulta che la consapevolezza delle imprese sul GDPR è ancora limitata: per il 23% del campione le implicazioni non sono note in dettaglio nell’organizzazione, per il 22% sono note solo nelle funzioni specialistiche ma non è ancora un tema all’attenzione del vertice. In quasi la metà delle organizzazioni (46%) è in corso un’analisi dei requisiti richiesti e dei piani di attuazione possibili, ma solo nel 9% è già in corso un progetto strutturato di adeguamento alla normativa. Solo in pochi casi esiste un budget dedicato (nel 7% con orizzonte pluriennale, nel 8% con orizzonte annuale); nel 35% dei casi sarà stanziato a breve, mentre nel restante 50% non è presente e non lo sarà neanche in futuro.

Luca Rossi



Articoli in questo numero

  • Un mercato promettente

    Lo scenario del dopo embargo in Iran è interessante. Le potenzialità offerte dal quel mercato sono enormi. IMA Tecno, un’azienda italiana specializzata nella produzione di mandrini, elettromandrini e teste ha buone credenziali in quel Paese. Qui di...

  • La tecnologia prende il volo

    Airbus, dopo due anni di test accurati, ha esteso l’uso della piattaforma 3DExperience di Dassault Systèmes ai propri programmi di additive manufacturing, integrando progettazione, simulazione e produzione. Safran sviluppa un metodo di convalida virtuale del processo di...

  • Jobs alla volta dello spazio

    Droni, lavorazione intelligente di nuovi materiali e aerei da turismo con destinazione Marte: Jobs va oltre le soluzioni per il comparto aerospace. Con Antonio Dordoni, membro operativo della Direzione dell’azienda piacentina, facciamo il punto su come sta...

  • Il made in Italy è apprezzato

    Marzorati ha partecipato a una missione commerciale in Iran organizzata da Promos. Questa esperienza è stata molto importante in quanto ha permesso di entrare in contatto con interlocutori locali. Gli incontri sono stati proficui. Leggi l’articolo

  • La sfida è sulla qualità

    Dopo un primo approccio al mercato iraniano, nel 2008, Monzesi è tornata recentemente nel Paese per capirne fino in fondo le potenzialità e studiare le differenti logiche, anche normative. Ora la sfida è esportare nel Paese le...

  • La qualità come passaporto

    Mandelli Sistemi lavora in Iran, con un partner locale, da oltre trent’anni e può contare attualmente su un parco installato in quel Paese di circa 50 centri di lavoro. Marco Colombi, sales manager, ci parla dell’esperienza della...

  • Lavorazioni a valore aggiunto

    L’industria italiana costruttrice di macchine utensili, robot e automazione guarda al 2017 con ottimismo. Secondo i dati elaborati dal Centro Studi & Cultura di Impresa di Ucimu, quest’anno dovrebbe segnalare una crescita ulteriore in tutti i suoi...

  • Tecnologie smart in mostra aTaiwan

    Si è chiusa recentemente a Taiwan la fiera Tmts, organizzata dalla associazione dei costruttori taiwanesi di macchine utensili. Il Paese è il quarto esportatore di macchine utensili al mondo ma anche un importatore di rilievo. L’evento ha...

  • Protagoniste in Iran

    La rimozione delle sanzioni contro l’Iran, oltre a ravvivare i flussi commerciali, rappresenta un incentivo molto forte per le nostre imprese, ‘sbloccando’ un mercato con grandi potenzialità di sviluppo. Qui di seguito sono segnalate le maggiori opportunità...

  • Quando l’innovazione si fa tradizione

    Nel novembre scorso, a Limburg, Germania, si sono svolti i festeggiamenti per il 25° di Bimatec Soraluce, un’alleanza tecnologica e commerciale fra il costruttore iberico e alcuni partner tedeschi. L’azienda, nata nel 1991 con lo scopo di...