RMO 199 – ottobre – 2016

Manufatturiero EU è lontano l’obiettivo del 20% del PIL

Quattro anni fa la Commissione Europea fissò l’obiettivo di portare l’industria manifatturiera continentale a contribuire al 20% del PIL continentale. Era il cosidetto ‘Piano Manifattura 2020’ o ‘Rinascimento europeo’ come più pomposamente qualcuno lo aveva voluto chiamare. Ebbene, secondo uno studio appena diramato da Deutsche Bank Research, siamo ancora ben lontani dal traguardo. Se nel 2012, anno di partenza del progetto, il contributo al PIL era pari al 15,5%, alla fine dello scorso anno questo dato era salito di solo lo 0,1%. La conclusione dell’analisi del Centro tedesco è che assai difficilmente l’obiettivo verrà centrato nei tempi prefissati. A parziale consolazione, rileva lo studio che quantomeno dal 2012 il trend non solo ha smesso di decrescere ma è aumentato. Va tenuto conto del contesto economico generale piuttosto stagnante, dove sono solo Paesi dell’Est come l’Ungheria, la Polonia e la Repubblica Ceca che hanno fatto registrare aumenti di peso. Con quest’ultima che ha visto una crescita di 2-3 punti percentuali. Tra le economie più consolidate non si sono fatti registrare grossi passi avanti. In questi quattro anni l’Italia guadagna lo 0,4%, leggermente meglio della Spagna (0,2%) e della Germania (0,1%). Francia e Regno Unito hanno addirittura inserito il segno negativo con un calo, in entrambi i casi, dello 0,1%. Complessivamente la quota dell’industria manifatturiera europea è calata per undici Paesi sui ventotto membri e rimasta stagnante per tre. La quota italiana dell’incidenza del manifatturiero sul PIL è vicina alla media europea ma resta lontana da quella tedesca, che ha toccato quota 22,8%. Secondo i ricercatori di Deutsche Bank non solo l’obiettivo iniziale era troppo ambizioso, ma discutibile è stata la scelta di legare le politiche europee e nazionali a un obiettivo dell’industria sul PIL, considerando anche la concorrenza dei mercati emergenti che resterà intensa.

Luca Rossi



Articoli in questo numero

  • Alla ricerca della soluzione totale

    La nuova generazione di prodotti Soraluce è basata su una revisione completa della macchina dal punto di vista dell’utilizzatore, concentrandosi sul miglioramento dell’efficienza operativa e sviluppando un’idea di ‘total machine’ che prende in considerazione anche un concetto...

  • Alta precisione e qualità anche nella lubrificazione

    Tra Emmecomponenti, azienda specializzata nella componentistica meccanica di alto livello e Bellini Lubrificanti continua una partnership all’insegna dell’innovazione e della sostenibilità ambientale. Quando gli investimenti in tecnologia si traducono in efficienza e produttività. Leggi l’articolo

  • Abbattere i costi di lavorazione

    Frazer è il centro di fresatura orizzontale a montante mobile longitudinale del marchio Sachman di Jobs. La macchina è disponibile in due versioni. Infinite possibilità per abbattere i costi di lavorazione. Vediamo di che cosa si tratta....

  • La meccanica di precisione guarda all’aeronautica

    Un esempio virtuoso di azienda familiare contoterzista, dinamica e coesa, con un ampio parco macchine, tutto targato MCM, costruttore quest’ultimo con cui è in atto una lunga collaborazione. La Meccanica Ponte Chiese di Prevalle (Brescia) affronta ora...

  • Macchina utensile e Formula1

    L’Haas F1 Team continua a collezionare punti nel mondiale. È la fortuna dell’esordiente o il risultato dell’applicazione all’automobilismo dello stesso approccio pragmatico che il proprietario del team Gene Haas ha sempre infuso ad Haas Automation da quando...

  • Esperienze tecnologiche

    Una ‘nuova generazione’ di centri di lavoro è stata presentata recentemente da Heller nel corso di una tre giorni che si è tenuta nella sede di Nürtingen. I visitatori sono stati chiamati a incontrarsi con gli utilizzatori...

  • Fabbrica 4.0, facciamo il punto

    È ormai in corso un’importante rivoluzione industriale, che si basa sull’uso sistematico delle nuove tecnologie digitali. GEI, il Gruppo di economisti di impresa, ha organizzato una tavola rotonda sull’argomento. Leggi l’articolo

  • Quando il robot parla tailandese

    Nel 2016 si stima che le importazioni in Tailandia di robot industriali e di sistemi di automazione possano raggiungere un valore di 47,3 milioni di dollari, una cifra che appare destinata ad aumentare nel futuro. Uno sguardo...

  • Sistemi logistici come leva di successo

    Uno studio di mercato commissionato da Zebra Technologies mette in evidenza alcune interessanti tendenze. Sette decision maker su dieci pensano di accelerare gli investimenti tecnologici nella logistica entro il 2020. Le sempre maggiori aspettative dei clienti danno...

  • Più produttività in officina

    I Technology Days Makino, organizzati dalla sede italiana, hanno permesso agli utilizzatori di apprezzare le caratteristiche sia delle macchine ad asportazione di truciolo sia i sistemi a elettroerosione del costruttore giapponese. Di recente concezione il CNC Pro6....

  • Macchine utensili verso gli USA

    I costruttori di sistemi per produrre, robot e automazione italiani guardano agli USA con grande interesse. Gli Stati Uniti sono il primo mercato d’esportazione per i costruttori italiani. Lo scorso anno il Made in Italy di settore...

  • Pneumax: innovazione continua e nuove sedi

    Pneumax, società leader italiana nella componentistica pneumatica per l’automazione industriale, persegue la strada della continua innovazione, puntando su prodotti e processi produttivi ad alto contenuto tecnologico, diversificando i mercati di sbocco, confermando così l’inclinazione dell’azienda alla costante...

  • Universal Robots, la nuova frontiera della robotica

    Universal Robots, azienda del gruppo americano Teradyne, con headquarter ad Odense, in Danimarca, ha appena aperto la sede italiana nel distretto della robotica piemontese, a Torino. Siamo andati a incontrare Alessio Cocchi, responsabile della filiale, per capirne...

  • La risposta di Trumpf alla fabbrica digitale

    Ciò che caratterizza un’azienda leader non è solo il livello d’innovazione, di prodotto e di processo, ma anche l’approccio verso il cliente. Trumpf sviluppa continuamente macchine e software sempre più interconnessi secondo il paradigma di Industria 4.0...