Progettare 409 – Ottobre – 2017

A rischio 3 milioni di posti. Invertire la tendenza si può

In Italia, nei prossimi quindici anni verranno meno più di 3 milioni di occupati nei settori tradizionali. Fino a 4,3 milioni se considerassimo uno scenario più pessimista. Ma è possibile crearne altrettanti in quelli innovativi. Per il mercato del lavoro italiano sarà una traversata faticosa. È lo scenario emerso da una ricerca presentata recentemente dal Club Ambrosetti partendo da una ricerca redatta da due professori di Oxford: Carl Frey e Michael Osborne. L’industria automotive e il caso di successo rappresentato da Amazon mostrano come i posti più a rischio siano nei comparti della manifattura e del commercio: secondo i calcoli del Club Ambrosetti potrebbero perdere rispettivamente 840 mila e 600 mila unità. Invertire la tendenza non è impossibile. Secondo la ricerca occorrerebbe mettere in campo iniziative capaci di creare 42 mila posti all’anno nei prossimi cinque. Ma occorre spingere sui settori che oggi impiegano più di ogni altro: alta tecnologia, scienze della vita, ricerca. Per ogni nuovo posto in un settore avanzato se ne creerebbero altri 2,1 nell’indotto: 40 mila posti l’anno nei settori chiave sono tre milioni di occupati in 15 anni. La strada è quella tracciata con l’ultima legge di Stabilità: incentivi per gli acquisti di nuovi macchinari, crediti d’imposta per le startup innovative e la ricerca, tassazione agevolata per brevetti industriali e marchi. E poi la formazione. La correlazione fra titolo di studio e rischio automazione segnala, infatti, che più la qualifica è bassa e più è alta la probabilità di restare disoccupati. Chi ha in tasca una specializzazione universitaria avrebbe l’1% di probabilità di perdere il posto, mentre per chi non ha almeno una laurea il rischio sale al 17%. E si parla di 17 milioni di italiani. Il futuro è per chi svolge mansioni complesse, con una forte componente intellettuale e non facilmente sostituibili dalle macchine.

Luca Rossi



Articoli in questo numero

  • Con passione si vola alto 

    Tecnam, con più di duecento velivoli (General Aviation) consegnati ogni anno, è il secondo produttore mondiale. L’azienda fornisce aerei alle scuole di volo e piloti privati. Ogni velivolo, rigorosamente Made in Italy, nasce dalla passione di progettisti,...

  • Per aerei ed elicotteri, la fabbrica è 4.0

    Secondo Mona, progetta e produce sistemi di alimentazione, distribuzione e misurazione del carburante di bordo sia per aerei sia per elicotteri. L’introduzione del paradigma fabbrica 4.0 è stato terreno fertile per la crescita dell’impresa. Leggi l’articolo

  • Il CAD per gli specialisti del CAM

    OpenMind, produttore del sistema CAMhyperMill, da qualche anno ha completato la propria offerta sviluppando il software CADhyperCAD-S, a supporto delle operazioni di lavorazione come fresatura, tornitura e tornio fresatura. Leggi l’articolo

  • La certezza della qualità

    Redex fornisce i propri avanzati sistemi di trasmissione aHuron, storico costruttore di macchine utensili, il cui progetto più recente è quello di un modello destinato a essere utilizzato in applicazioni aeronautiche con lunghezza della corsa di 18...

  • Il polo aeronautico dell’Emilia-Romagna

    Il polo tecnologico forlivese è sito in un’area geografica ricca di strutture di ottimo livello, nel campo della ricerca aeronautica e spaziale. L’evento FlyE-R, dello scorso luglio, ha contribuito ad avvicinare il mondo accademico a quello industriale....

  • Qui nasce la tecnologia dell’aereo del futuro 

    L’Institut de Recherche Technologique Saint Exupéry ha dato vita al progetto HighVolt dedicato principalmente alla gestione della durata e all’affidabilità dei sistemi d’isolamento, in particolare degli avvolgimenti. Per esempio con la messa a punto di dimostratori e...

  • In volo con la realtà virtuale

    Dassault Systèmes ha partecipato all’International Paris Air Show, per proporre dimostrazioni ed esperienze in grado di coinvolgere gli operatori nella scoperta virtuale dei progressi tecnologici, che stanno cambiando il modo di lavorare. Leggi l’articolo

  • Puntare in alto

    SKF presenta la linea LargeBearing Channel per la produzione di cuscinetti di grandi dimensioni. Ma non è tutto. L’azienda ha sviluppato anche una tecnologia che consente di realizzare componenti innovativi in materiale composito. Leggi l’articolo

  • Una rotta sicura

    La ricerca ‘2017 Global aerospace and defense sector outlook’ a cura di Deloitte, prevede per l’anno in corso una crescita dei ricavi globali del 2%; questa percentuale conferma l’andamento positivo dello scorso anno, anche se in leggero...

  • Quando lo ‘speciale’ diventa lo standard

    Per la gestione di oltre 60 assi tra analogici e digitali, seicento I/O digitali e di quasi venti processi, anche tutti contemporaneamente attivi, Stemas si è affidata a un unico sistema CNC+PC industriale Osai. Leggi l’articolo

  • Accrescere produttività e fatturato

    Le App computazionali basate su modelli multifisici portano benefici a tutti. Sia lo sviluppatore sia gli utenti finali possono infatti produrre innovazione con un rischio limitato e costi di produzione ridotti al minimo. Leggi l’articolo

  • SMC Italia, una storia di successo lunga 40 anni

    Da un piccolo negozio per la commercializzazione di prodotti per la pneumatica fino a diventare una delle più importanti filiali del proprio Gruppo. Una cavalcata rossiniana quella di SMC Italia, basata su prodotti tecnologici e spirito di...