pr_404_17_cop_min_209x300

Progettare 404 – marzo – 2017

Solo con Industria 4.0 l’Italia riprende competitività

Dopo la grande crisi economica del 2008 il potenziale industriale dell’Italia si è ridotto del 19,5% mentre quello tedesco è aumentato del 6,5%. Secondo un’analisi Nomisma sulla perdita della produzione manifatturiera potenziale dei principali Paesi europei, all’inizio della crisi fino al 2014, il nostro tessuto produttivo si è ridotto del 17,7% con una erosione che è stata pari a tre volte quella sperimentata dall’intera Area Euro. A tenere in piedi l’architettura industriale italiana sono le imprese fra i 10 e i 250 addetti. Allo stesso tempo il sistema produttivo italiano non è riuscito a risolvere, a livello sistemico, il suo paradosso: il 20% delle nostre imprese, a cui si deve la quasi totalità dell’export, produce l’80% del valore aggiunto. L’adozione del paradigma di Industria 4.0 e della fabbrica Intelligente potrebbe essere una chiave di svolta. In Germania, oltre la metà delle 6mila imprese manifatturiere con più di 100 milioni di euro di fatturato ha effettuato investimenti, o li sta perfezionando, in questo senso. Fra le imprese americane, il 16% delle aziende ha realizzato uno dei tasselli del nuovo mosaico: i big data, l’internet of things, la robotica collaborativa, l’additive manufacturing, la realtà aumentata e la cybersecurity. Negli Stati Uniti l’agenzia preposta a sviluppare questa particolare forma di politica industriale, l’Advanced Manufacturing Partnership 2.0, ha un budget di 2 miliardi di dollari. L’Accenture Institute for high performance, in collaborazione con Frontier Economics, ha calcolato che alle attuali condizioni nel 2035 la crescita dell’economia italiana sarà dell’1% mentre con l’applicazione di Industria 4.0 potrebbe potenzialmente duplicare la crescita. In questo periodo, in Italia il valore aggiunto potrebbe toccare l’1,8%. Quasi il doppio. Meno del 2,5% della Spagna, del 2,9% della Francia e del 3% della Germania. L’aumento della produttività italiana, da qui al 2035, sarebbe del 12%. Superiore all’11% spagnolo, ma inferiore al 20% francese e al 29% tedesco. Questa differenza – si legge nel rapporto – trova una sua origine nella diversa capacità che i Paesi hanno di integrare e assorbire le innovazioni tecnologiche.

Luca Rossi



Articoli in questo numero

  • prog-404_062
    Imbarcazione attenta all’ambiente (e ai costi)

    Control Techniques & Leroy-Somer aiutano una società Olandese nel settore ittico a ottimizzare l’efficienza del processo di pesca sostenibile. Esse hanno contribuito alla costruzione di un nuovo tipo di imbarcazione marina, l’ MDV-1 Immanuel. Leggi l’articolo

  • prog-404_068
    La simulazione CFD per l’off Shore

    L’uso delle simulazioni numeriche ha permesso di studiare il moto ondoso tra una piattaforma off shore al largo dell’Australia e le navi cisterna. I diversi scenari sono stati simulati con il software Star-Ccm+ di Siemens. Leggi l’articolo

  • prog-404_030
    Industria 4.0 Ecco gli incentivi

    Quest’anno dovrebbe essere particolarmente favorevole per le imprese che hanno deciso di investire nel rinnovamento del parco macchine o in attrezzature hi-tech. All’interno del Piano Nazionale Industria 4.0 che il Governo ha varato a inizio anno sono...

  • prog-404_058
    Progettazione Open source

    ArcheoROV è il drone sottomarino open source sviluppato presso Witlab, l’Open Innovation Lab di Witted, insediato presso l’incubatore Progetto Manifattura gestito da Trentino Sviluppo a Rovereto (TN). Il veicolo risponde alle esigenze di modularità, modificabilità e trasportabilità....

  • prog404_072
    Appuntamento a Viareggio

    Versilia Yachting Rendez-vous si svolgerà a Viareggio dall’11 al 14 maggio 2017. L’evento espositivo, dedicato alla nautica da diporto, coinvolgerà anche le principali cittadine della Versilia quali Pietrasanta e Forte dei Marmi con iniziative dedicate. Un format...

  • prog404_056
    Imbarcazioni efficienti

    Eliche, linee d’asse, riduttori, argani, cargo, motori, generatori: ovunque siano presenti attrito, forze di carico, vibrazioni o trasmissioni di potenza, SKF è presente con prodotti e soluzioni che assicurano un funzionamento efficiente delle applicazioni. Leggi l’articolo

  • pro404_064
    Unica piattaforma per le navi

    Meyer Werft entra nell’era dell’innovazione collaborativa digitale dell’Industry 4.0 grazie a Dassault Systèmes. Gran parte della moderna tecnologia sarà concentrata nell’attività di progettazione e sviluppo dei 500 progettisti e ingegneri che stanno creando le navi da crociera...

  • pro404_052
    Componenti senza manutenzione

    Schaeffler fornisce cuscinetti a strisciamento, in materiale composito, e snodi sferici esenti da manutenzione, per applicazioni navali e marine in genere. Resistenza all’usura e all’ambiente marino sono le principali caratteristiche dei prodotti. Leggi l’articolo

  • pro404_024
    Manutenzione da remoto 

    I servizi di assistenza da remoto portano diversi vantaggi. Non solo per la tempestività dell’intervento, ma anche economici. Qui di seguito le opinioni di alcuni rappresentanti di aziende del comparto manifatturiero, che utilizzano o propongono sistemi di...

  • pro404_038
    Cento anni di futuro

    Parker Hannifin fu fondata nel 1918 da Arthur Parker. Per raccontare la storia di questa impresa, oggi multinazionale dell’automazione, abbiamo incontrato Giovanni Pozzi, general manager della filiale italiana. Leggi l’articolo

  • pro404_050
    La nautica riprende il largo

    Secondo i dati riportati da Ucina, Confindustria Nautica, continua il trend positivo per l’industria nautica con una crescita del +13%nel 2016. Complessivamente, il 73% degli addetti ai lavori stima una crescita per il 2017 fino al 20%...