Imperio e l’innovazione della Fabbrica Intelligente

Pubblicato il 29 settembre 2017
innovazione Cluster Fabbrica Intelligente Ernesto Imperio

Dei dodici cluster nazionali istituiti dal Governo per creare delle piattaforme che organizzino l’offerta di competenze scientifiche e tecnologiche, pubbliche e private, presenti nel Paese nelle 12 Aree di specializzazione, il Cluster Tecnologico Nazionale Fabbrica Intelligente (CFI) supporta il processo di innovazione tecnologica nel manifatturiero italiano. Il CFI ha il compito di agevolare la nascita di partenariati pubblico-privati, al cui interno prendano vita progetti concreti di innovazione, nell’interscambio di conoscenze tra aziende, enti pubblici e istituti di ricerca e università. Le attività del CFI hanno quindi trovato una naturale e perfetta consonanza nelle misure varate dal Piano Nazionale Industria 4.0, che hanno dato il giusto propellente per la diffusione delle tecnologie digitali tra le aziende italiane, con la nascita dei primi Lighthouse Plant, fabbriche modello improntate alle logiche 4.0 di flessibilità, efficienza e riconfigurabilità smart dei processi.
Ne abbiamo parlato con Ernesto Imperio, ricercatore Itia-CNR e componente dello staff Comunicazione del CFI, che coordinerà la Tavola rotonda sulle Agende strategiche in Europa in tema di Industria 4.0 al Connected Manufacturing Forum il 26 ottobre a Milano.

Fabbrica Intelligente tra pubblico e privato
Fin dalla sua nascita nel 2012, il Cluster Fabbrica Intelligente è impegnato su più fronti per agevolare le imprese a svilupparsi nel solco della Fabbrica interconnessa e flessibile. Un occhio di riguardo delle attività del Cluster è diretto al nutrito tessuto delle pmi italiane che, come spiega Ernesto Imperio, per ovvi motivi, sia economici che organizzativi, faticano maggiormente a entrare nei circuiti virtuosi che perseguono strategie di sviluppo competitivo e innovazione. “Fondamentale nell’azione del Cluster – spiega Imperio – è quindi il fare sistema, sensibilizzando tutto il territorio nazionale sui temi della Fabbrica Intelligente. Questo avviene attraverso la partecipazione attiva dei diversi enti di ricerca e università che fanno parte della comunità del Cluster, e di cui il Cluster stesso si arricchisce, scientificamente e tecnologicamente, e alla presenza di istituzioni regionali”.

Focus sulla crescita delle persone
Nel supportare attivamente le imprese nel loro percorso di innovazione e digitalizzazione, il CFI svolge un importante ruolo in qualità di interlocutore privilegiato verso l’alto con i Ministeri del MISE e del MIUR. Grande attenzione tra le linee di intervento individuate dal Cluster va quindi alla crescita professionale delle persone, profondendo grande impegno per far evolvere la cultura dell’innovazione tecnologica nelle imprese manifatturiere italiane, con particolare focus sulla digitalizzazione in Fabbrica. “Tale cultura – prosegue Imperio – si fonda sulle soluzioni tecniche avanzate che possono essere introdotte e adottate gradualmente nelle aziende, con soluzioni personalizzabili e alla portata di tutte le imprese senza limiti relativi alla dimensione aziendale”.

Roadmap ricerca innovazione Fabbrica Intelligente

Impianti Faro per indicare la strada
Il CFI ha quindi definito strategicamente una ‘Roadmap per la Ricerca e l’Innovazione’, periodicamente aggiornata, che traccia i principali percorsi tecnologici da seguire per garantire all’Italia il necessario livello di competitività negli ambiti della ricerca e dell’innovazione manifatturiera. “Sulla base di tali percorsi – dice Imperio -, il Cluster è impegnato attivamente a favorire l’incontro e il confronto tra domanda e offerta di tecnologia avanzata per l’Industria 4.0, coinvolgendo aziende, fornitori di tecnologie e organismi di ricerca e facendoli dialogare con i Ministeri”. Il più recente esempio dei risultati prodotti dal lavoro del Cluster sono i Lighthouse Plant, ovvero impianti produttivi da progettare ex-novo, oppure impianti esistenti profondamente rivisitati in ottica Industria 4.0, dotati di tecnologie abilitanti la smart manufacturing, interconnessi, intelligenti e in grado di dialogare tra di loro. L’obiettivo è quindi sviluppare impianti produttivi che evolvono di pari passo con le tecnologie, e che siano un punto di riferimento per lo sviluppo del manifatturiero, in Italia ma anche in tutto il mondo.

Il successo degli incentivi 4.0
Lo sviluppo di questi Impianti Faro ha trovato un consistente supporto negli incentivi agli investimenti in tecnologie previsti dal Piano Nazionale Industria 4.0, tra cui l’iperammortamento al 250%. Le agevolazioni e le misure introdotte dal Piano Nazionale hanno infatti avuto ottimi effetti sull’industria manifatturiera italiana, stando ai dati presentati da tutte le associazioni di categoria, Ucimu (costruttori di macchine utensili), Federmacchine (costruttori di beni strumentali) e Anima (meccanica varia). In particolare, l’analisi di Federmacchine ha rilevato che nel primo semestre del 2017 il 65% degli ordini è stato acquisito utilizzando la forma dell’iperammortamento, e il 35% con il superammortamento. Un boom della nostra industria confermato dai dati Eurostat della produzione di luglio, secondo i quali l’Italia per il secondo mese consecutivo ha registrato il più forte tasso di crescita tendenziale dell’industria tra i cinque maggiori Paesi dell’Unione Europea, posizionandosi con un +4,4% davanti a Germania (+3,9%), Francia (+3,6%), Spagna (+1,9%) e Regno Unito (+0,2%). Produzione industriale che già nel mese di giugno aveva segnato un primato con +5,2%. A trainare l’aumento della produzione industriale a luglio è stata proprio la produzione di beni strumentali, cresciuta del 5,9%, a riprova che gli effetti del Piano Industria 4.0, dopo il boom negli ordinativi di macchine innescato nel primo semestre, cominciano a trasferirsi sulla produzione, prevista in forte tensione anche per i prossimi mesi.

Connected Manufacturing Forum Unilever
Il Connected Manufacturing Forum, è l’evento organizzato da Business International/Fiera Milano Media dedicato all’ Italia 4.0 e alla Cultura dell’Innovazione. Utilizzare le tecnologie digitali e applicare l’innovazione al tessuto delle imprese italiane è la vera scommessa di questo momento e il Connected Manufacturing Forum ha l’obiettivo di percorrere i tratti del cambiamento del mondo industriale attraverso tutti gli attori della filiera, fornendo così un aggiornamento reale sull’avanzamento delle aziende e sullo stato dell’arte degli strumenti finanziari introdotti dal Piano Nazionale Italia 4.0.
Per informazioni sull’evento: Giovannina Pelagatti (Conference Manager)

Marco Zambelli



Contenuti correlati

  • Milestone Award Leybold pompe da vuoto
    Milestone Award alle pompe da vuoto Leybold

    Leybold ha ricevuto il premio Milestone Award per la tecnologia da vuoto offerta dall’azienda nelle applicazioni di analisi di laboratorio, tecnologie di misura e ricerca. Il premio è stato assegnato dalla rivista di settore Laborpraxis, che in...

  • investimenti strategici FEIS 2.0 Commissione EU
    Investimenti in EU, approvato il nuovo fondo FEIS 2.0

    Via libera dal Parlamento europeo per FEIS 2.0, il fondo europeo per gli investimenti strategici con risorse aumentate ed estensione da metà 2018 a fine 2020. Gli obiettivi di investimento salgono da 315 miliardi di euro a...

  • DMG Mori, sotto il segno del digitale

    Il tema centrale dell’open house 2018 di DMG Mori è il ‘Path of Digitization’, con il quale l’azienda promuove la trasformazione digitale nella costruzione di macchine in tutto il mondo. Masahiko Mori, presidente DMG Mori Group e...

  • ordini macchine Ucimu effetto Industria 4.0
    Ordini macchine Ucimu, +21,5% nel IV trimestre 2017

    Crescita del +21,5% negli ordini macchine utensili nel quarto trimestre 2017, nei dati Ucimu, con indice in valore assoluto attestatosi a 162 (base 100 nel 2010). A una crescita del 6,2% negli ordini dall’estero, si accompagnano le...

  • lubrificanti settore energetico Shell
    Lubrificanti Shell per il settore energetico

    Shell ha presentato lo scorso novembre a Key Energy i lubrificanti Shell Mysella e Shell Diala per il settore energetico, illustrando i risultati della Ricerca Shell TCO su aziende del comparto in Europa, Asia e America. Secondo...

  • distributori lubrificante non metallici serie 310 SKF
    Distributori di lubrificante non metallici SKF

    SKF presenta la serie 310 di distributori non metallici per sistemi di lubrificazione a linea singola. Il distributore è realizzato in poliammide PA66 a elevate prestazioni, e assicura elevata affidabilità per un numero minimo di 400.000 cicli...

  • soluzioni termoplastiche Polymer Innovation Centre Victrex
    Soluzioni termoplastiche innovative Victrex in UK

    E’ operativo il nuovo Polymer Innovation Centre aperto presso la sede inglese di Victrex, dedicato allo sviluppo di soluzioni termoplastiche di nuova generazione. Il centro, con un investimento di 10 milioni di sterline, mostra l’impegno di Victrex...

  • Un patrimonio di eccellenze

    A Uomini & Imprese Sergio Dompé, presidente della Dompé farmaceutici, illustra la rivoluzione in atto nel campo delle scienze della vita, l’impegno del Gruppo nella ricerca e sviluppo di farmaci per la cura delle malattie rare, la...

  • sensori programmabili Sick AppSpace
    Sensori programmabili smart di Sick

    I sensori programmabili di Sick e l’ecosistema Sick AppSpace offrono libertà e flessibilità nello sviluppo di software applicativo per attività specialistiche da parte di integratori di sistemi e OEM. Sick AppSpace unisce software e hardware, e comprende...

  • Borse di studio Gefran Università di Brescia
    Borse di studio Gefran per l’Università di Brescia

    Accordo siglato tra Gefran e l’Università degli studi di Brescia per due borse di studio da 80 mila euro ciascuna, che l’azienda metterà a disposizione per formazione di alto livello. Le borse di studio finanzieranno dottorati di...

Scopri le novità scelte per te x